mercoledì 22 febbraio | 12:44
pubblicato il 21/ago/2013 16:14

Costa Concordia: 6/9 decisione su raddrizzamento, poi rotazione nave

Costa Concordia: 6/9 decisione su raddrizzamento, poi rotazione nave

+++Almeno 45 giorni di lavoro per arrivare a galleggiamento relitto+++. (ASCA) - Firenze, 21 ago - A un anno e mezzo dal naufragio del 13 gennaio 2012, salvo nuovi imprevisti, il mese prossimo la Costa Concordia sara' raddrizzata. E' infatti fissata per il 6 settembre a Roma la riunione che dovra' dare il via libera al progetto per riportare in asse il relitto e per mettere in atto l'operazione c'e' l'ipotesi di utilizzare la finestra temporale che va dal 10 al 20 settembre. ''Al momento - spiega Maria Sargentini, dirigente della Regione Toscana e presidente dell'Osservatorio per la rimozione del relitto - stanno arrivando tutti i documenti e si stanno completando le ultime operazioni propedeutiche, il 6 settembre ci riuniremo anche con il comissario Franco Gabrielli e potremo essere piu' precisi''. In questi giorni al Giglio i tecnici del consorzio Titan-Micoperi (474 persone con 28 tra mezzi e strutture) sono al lavoro per preparare la nave alla rotazione di 65 gradi. In particolare da due giorni e' in corso l'installazione sulla prua dei 'blister', giganteschi cassoni che dovranno rafforzare la struttura, in quel punto particolarmente delicata, al momento dell'operazione. Resta poi da completare la realizzazione del falso fondale su cui poggera' lo scafo (manca circa un 10%) con la posa di sacchi di malta cementizia. Inoltre sono al lavoro delle bettoline che aspirano acqua sporca dall'interno del relitto inserendo allo stesso tempo acqua pulita in uguale quantita'. Questo per evitare il rilascio di sostanze in mare al momento del raddrizzamento senza pero' alterare l'attuale peso della nave. Questo intervento continuera' anche durante e dopo il riassetto in asse. Se poi il 6 settembre (salvo ulteriori slittamenti) arrivera' l'autorizzazione, iniziera' la vera e propria operazione di raddrizzamento e, al momento, l'ipotesi e' di utilizzare la 'finestra' tra il 10 e il 20. Per tutta l'operazione servono 3 giorni di bel tempo, anche se la vera e propria rotazione, che per ragioni di sicurezza sara' comandata a distanza dal porto del Giglio, durera' 12 ore. In questa fase, le prime due ore saranno le piu' delicate, dato che la nave dovra' essere disincastrata dalle rocce su cui e' poggiata e dovranno essere calcolate con esattezza le forze, per evitare che lo scafo si deformi o si spezzi. ''L'attesa per l'operazione e' forte - spiega il sindaco Sergio Ortelli - aspettiamo la riunione del 6 per avere indicazioni piu' precise. Poi, a rotazione avvenuta, i lavori dovranno proseguire per traguardare la rimozione della nave''. Rimozione su cui non ci sono ancora tempi certi anche perche' il porto di destinazione non e' stato ancora scelto e il principale 'candidato', quello di Piombino, senza importanti lavori di adeguamento non e' in grado di accogliere la Concordia. Quel che e' certo e' che, dopo il raddrizzamento, per poter far gallegiare lo scafo serviranno almeno altri 40 giorni di lavori, mentre per il traino occorrera' aspettare condizioni meteo favorevoli, quindi la primavera. ''Su questo indicazioni non ci sono - afferma Ortelli - anche perche' bisognera' studiare bene le condizioni della fiancata che e' stata fino a oggi sottacqua appoggiata sulle rocce e capire come ripararla per permettere la navigazione del relitto''. Il sindaco ricorda, comunque, ''l'impatto negativo gia' avuto dal Giglio, sia economico, con la scorsa stagione turistica che e' stata deficitaria anche per colpa del cantiere, sia psicologico''. Per quanto riguarda un bilancio delle operazioni di rimozione portate avanti fino a questo momento, Ortelli rileva che ''non era stato compreso pienamente quanto fossero complicati i lavori e all'inizio e' stata fornita in modo incauto una tempistica che non era attendibile. Comunque le aziende lavorano 24 ore su 24 e Costa Crociere si sta impegnando a risolvere la questione su cui, del resto, ha una chiara responsabilita' civile''. afe/sat/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Fiumicino "si offre" per stadio Roma: 'Qui tutto ciò che serve'
Taxi
Protesta taxi e ambulanti a Roma, bloccata via del Corso
Chiesa
Presunti festini gay a Napoli, il card. Sepe sospende sacerdote
Taxi
Protesta taxi a Roma: scontri, bombe carta e tirapugni: 4 fermi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Verso candidatura cultura del tartufo a patrimonio Unesco
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%