giovedì 08 dicembre | 23:33
pubblicato il 22/giu/2011 17:42

Cosenza, sequestro di beni archeologici da scavi clandestini

Erano custoditi in due abitazioni private

Cosenza, sequestro di beni archeologici da scavi clandestini

Beni archeologici provenienti da scavi clandestini, tra cui 6 dipinti risalenti al 1.700 raffiguranti scene sacre, un reliquiario in legno di scuola lucana e vari monili dell'VIII sec. A.C., ma anche punte di lance e giavellotti, calici e lucerne: è il tesoro trovato dai carabinieri del nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Cosenza in due abitazioni di Eugenio De Cicco, arrestato ad aprile nell'ambito dell'operazione "Orchi", per una serie di violenze su un disabile. Il capitano Raffaele Giovinazzo.Il materiale archeologico proviene invece dagli scavi di Cozzo Torre, a Torano Castello, e di Torre Mordillo, a Spezzano Albanese.De Cicco adesso dovrà rispondere anche di ricettazione e impossessamento illecito di beni archeologici. Sono in corso accertamenti presso la banca dati del Ministero dei Beni culturali e nelle Curie territoriali per capire la provenienza del materiale ecclesiastico e dei quadri.

Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni