mercoledì 07 dicembre | 21:42
pubblicato il 16/nov/2011 16:11

Cosenza, scoperto traffico di reperti archeologici online

Denunciate 77 persone, recuperate migliaia di monete e oggetti

Cosenza, scoperto traffico di reperti archeologici online

Migliaia di reperti archeologici recuperati e 77 persone denunciate grazie ad un'indagine dei carabinieri del Nucleo tutela patrimonio artistico di Cosenza. Tutto è partito dall'individuazione di una persona della provincia di Cosenza che ricercava di reperti per poi venderli illegalmente online, una scoperta che ha portato alla luce, in 3 anni di indagine, un mercato florido a livello nazionale. Sono state recuperate 4.050 monete in argento e bronzo di varie epoche; oltre 1.000 oggetti fra vasi di ceramica, fibule, anelli e 35 reperti di natura paleontologica. Raffaele Giovinazzo è il comandante del nucleo di tutela del patrimonio artistico di Cosenza.Il Web ha un ruolo fondamentale nel commercio.Tutti i reperti, una volta conclusi gli accertamenti, verranno affidati alla Soprintendenza Archeologica.

Gli articoli più letti
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni