venerdì 20 gennaio | 07:20
pubblicato il 16/nov/2011 16:11

Cosenza, scoperto traffico di reperti archeologici online

Denunciate 77 persone, recuperate migliaia di monete e oggetti

Cosenza, scoperto traffico di reperti archeologici online

Migliaia di reperti archeologici recuperati e 77 persone denunciate grazie ad un'indagine dei carabinieri del Nucleo tutela patrimonio artistico di Cosenza. Tutto è partito dall'individuazione di una persona della provincia di Cosenza che ricercava di reperti per poi venderli illegalmente online, una scoperta che ha portato alla luce, in 3 anni di indagine, un mercato florido a livello nazionale. Sono state recuperate 4.050 monete in argento e bronzo di varie epoche; oltre 1.000 oggetti fra vasi di ceramica, fibule, anelli e 35 reperti di natura paleontologica. Raffaele Giovinazzo è il comandante del nucleo di tutela del patrimonio artistico di Cosenza.Il Web ha un ruolo fondamentale nel commercio.Tutti i reperti, una volta conclusi gli accertamenti, verranno affidati alla Soprintendenza Archeologica.

Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, recuperata una vittima
Maltempo
Valanga su hotel, circa 30 dispersi: "Diversi i morti"
Maltempo
Valanga su hotel, vigili fuoco: distrutto, parti non esistono più
Maltempo
Prot. Civile: due le vittime accertate all'Hotel Rigopiano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale