domenica 26 febbraio | 05:25
pubblicato il 16/nov/2011 16:11

Cosenza, scoperto traffico di reperti archeologici online

Denunciate 77 persone, recuperate migliaia di monete e oggetti

Cosenza, scoperto traffico di reperti archeologici online

Migliaia di reperti archeologici recuperati e 77 persone denunciate grazie ad un'indagine dei carabinieri del Nucleo tutela patrimonio artistico di Cosenza. Tutto è partito dall'individuazione di una persona della provincia di Cosenza che ricercava di reperti per poi venderli illegalmente online, una scoperta che ha portato alla luce, in 3 anni di indagine, un mercato florido a livello nazionale. Sono state recuperate 4.050 monete in argento e bronzo di varie epoche; oltre 1.000 oggetti fra vasi di ceramica, fibule, anelli e 35 reperti di natura paleontologica. Raffaele Giovinazzo è il comandante del nucleo di tutela del patrimonio artistico di Cosenza.Il Web ha un ruolo fondamentale nel commercio.Tutti i reperti, una volta conclusi gli accertamenti, verranno affidati alla Soprintendenza Archeologica.

Gli articoli più letti
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech