venerdì 02 dicembre | 23:41
pubblicato il 11/ago/2011 14:27

Cosenza, a Rogliano centro di accoglienza per immigrati in hotel

Primi arrivi di 100 libici e siriani, ospitati per massimo 6 mesi

Cosenza, a Rogliano centro di accoglienza per immigrati in hotel

Un hotel che diventa centro di accoglienza per gli immigrati: siamo a Rogliano, in provincia di Cosenza, dove l'albergo "La Calavrisella" è stato allestito un per ospitare i profughi che arrivano da altre parti d'Italia. All'interno della struttura ci sono i segni dei lavori in corso: il centro è ancora in fase di allestimento. Gli ospiti vengono accolti in camere da due, quattro o sei posti a seconda delle divisioni familiari o secondo i vincoli di amicizia che si sono formati nei centri di provenienza. I primi ad arrivare sono circa 100 libici e siriani da Napoli e Brindisi a bordo di tre autobus della Protezione Civile: tra loro anche alcune donne. Pochi parlano l'italiano.Per aiutarli con la lingua l'associazione "Le Rasole", che cura il centro di accoglienza, ha previsto la presenza di una serie di interpreti: gli ospiti resteranno qui per un massimo sei mesi.

Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari