sabato 25 febbraio | 01:55
pubblicato il 25/apr/2013 08:40

Cortina d'Ampezzo: Giunta, totale incredulita' su accuse al sindaco

(ASCA) - Cortina d'Ampezzo (BL), 25 apr - Prima notte di Andrea Franceschi, sindaco di Cortina d'Ampezzo, agli arresti domiciliari e la giunta comunale, pur ribadendo piena fiducia nella magistratura, manifesta ''incredulita''' per le accuse mosse al primo cittadino, che sarebbe coinvolto, in particolare, in presunte irregolarita' nell'appalto per la raccolta dei rifiuti. Gli assessori Enrico Pompanin Giovanna Martinolli, Marco Ghedina e Adriano Verocai e i consiglieri di maggioranza della lista civica ''Progetto per Cortina'' hanno accolto la notizia ''con totale incredulita''', come afferma una nota.

Franceschi aveva subito una perquisizione circa un anno fa era per presunte irregolarita' nell'esercizio delle sue funzioni. Da mesi aveva espresso la richiesta di essere ascoltato dalla magistratura per chiarire la sua posizione.

''La mancata convocazione, unita alla restituzione del materiale sequestrato all'epoca delle perquisizioni, aveva confermato il Sindaco e la Giunta nella convinzione che le indagini si stessero concludendo dopo aver verificato quella che, oggi, assessori e consiglieri ribadiscono essere la completa e totale correttezza nell'esercizio delle funzioni pubbliche di questa Amministrazione''. Assessori e maggioranza insistono nell'affermare che ''se c'e' una cosa nella quale possiamo riporre la nostra piu' totale fede e' la certezza di aver amministrato nel piu' assoluto rispetto della legge e del Bene pubblico. Sebbene, questa ferale notizia ci riempia di umano dolore e stordimento, ribadiamo, percio', la nostra fiducia nell'operato delle Forze dell'Ordine e della Magistratura, certi che l'esito della vicenda giudiziaria liberera' il nostro Sindaco dall'ombra di qualsiasi accusa''.

''Se venisse confermata'', aggiungono assessori e consiglieri ''la notizia secondo la quale il capo di imputazione verte sul bando per la accolta dei rifiuti urbani, non abbiamo la benche' minima esitazione nell'affermare che la raccolta dei rifiuti a Cortina, seguita a quel bando, ha portato piu' servizi, maggiore raccolta differenziata, piu' persone impiegate e, pur senza costi aggiuntivi, un servizio di monitoraggio e di ascolto delle esigenze della popolazione quale mai Cortina d'Ampezzo aveva avuto''.

La preoccupazione adesso e' per i contraccolpi dell'azione giudiziaria. ''In questa vicenda, che ci colpisce personalmente oltre che a livello politico, non possiamo che lamentare il danno che la nostra localita' soffre e soffrira' tornando sotto i riflettori di uno scandalo - si legge ancora nella nota diffusa da giunta e maggioranza -. Cortina d'Ampezzo e' sotto attacco una volta di piu', dopo essere stata investita dalle perquisizioni in contemporanea con un momento di grande esposizione mediatica qual era quello generato dal giro d'Italia. Alziamo il nostro invito a tutti i residenti, e in particolare all'opposizione, a non abboccare all'amo delle divisioni, ma a fare quadrato per difendere la nostra Comunita'''. fdm/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Campidoglio
Roma, Raggi in ospedale per controlli dopo un lieve malore
Campidoglio
Roma, medici: Raggi in netto miglioramento, si valuta uscita
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech