domenica 19 febbraio | 22:09
pubblicato il 17/mar/2015 20:02

CorriMI, Milano diventa una palestra a cielo aperto per i runner

Seconda edizione del progetto rivolto agli appassionati di corsa

CorriMI, Milano diventa una palestra a cielo aperto per i runner

Milano (askanews) - Trasformare Milano e i suoi parchi in una palestra a cielo

aperto. È l'obiettivo di "CorriMi" (www.corrimi.com/), progetto arrivato alla seconda edizione che si rivolge agli oltre 60mila runners milanesi e più in generale a tutti i cittadini che hanno voglia di cimentarsi nella corsa, offrendo loro una serie di servizi per sfruttare al meglio le possibilità per allenarsi e divertirsi all'aria aperta in città.

I runner potranno scegliere il percorso migliore grazie alla mappatura dei parchi cittadini (Sempione, Montanelli, Trenno, Forlanini, Lambro, Montagnetta di San Siro e Parco delle Cave), partecipare alle sessioni di allenamento collettive col supporto di trainer professionisti, accedere agli spogliatoi e le docce di alcuni parchi. Previsti anche i Corsi di corsa, con cui CorriMI collabora e promuove le principali corse cittadine.

Il progetto è realizzato con il patrocinio e sostegno del Comune di Milano e del Comitato Provinciale Fidal Milano, e sostenuto da Yakult, Salomon e Coop Lombardia, sponsor ufficiali della seconda edizione di CorriMI.

Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia