martedì 06 dicembre | 18:56
pubblicato il 12/nov/2013 14:28

Contraffazione: De Girolamo, i Nac sono presidio contro illegalita'

Contraffazione: De Girolamo, i Nac sono presidio contro illegalita'

(ASCA) - Roma, 12 nov - ''Le operazioni dei Nac-Nucleo Antifrodi Carabinieri hanno permesso di individuare alcuni nuovi circuiti di commercializzazione relative a produzioni contraffatte che venivano spacciate per produzioni a marchio di qualita' Dop, Igp e Stg. L'attivita' si e' concentrata anche sull'e-commerce, al fine di proseguire gli accertamenti sulla diffusione in internet della vasta gamma di 'cheese-kit' prodotti e commercializzati in Nuova Zelanda e Australia che evocano produzioni Made in Italy. Infine, sono stati effettuati controlli nel trasferimento di risorse europee che hanno fatto accertare frodi nel comparto agroalimentare - nell'arco del 2013 - per oltre 2,5 milioni di euro''. Lo ha detto il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Nunzia De Girolamo, commentando i risultati diffusi dai Nac-Nucleo Antifrodi Carabinieri, sulle operazioni condotte a ottobre, aggiungendo che ''la contraffazione dell'agroalimentare italiano non e' piu' tollerabile, per questo dobbiamo usare ogni strumento a nostra disposizione per contrastarla e sconfiggerla. Tutti hanno il diritto di sapere quello che comprano e quello che mangiano''. Nelle province di Verona, Vicenza, Trento e Brescia, i Nac di Parma hanno individuato alcuni circuiti di commercializzazione di falso 'Parmigiano Reggiano', 'Grana Padano' Dop, e di paste lavorate con ripieni evocanti indebitamente noti marchi di qualita' Dop/Igp/Stg, destinate anche all'esportazione. Complessivamente sono state sequestrate oltre 5 tonnellate di prodotti e 350.000 etichette/packaging irregolari.

Nel Sud Italia, nel corso dei controlli in alcuni centri agroalimentari sono state sequestrate oltre 3 tonnellate di prodotti ortofrutticoli risultati privi della documentazione di tracciabilita'. Nella fase di monitoraggio dell'e-commerce, i Nac hanno interessato i canali di cooperazione internazionale di Interpol e dell'agenzia delle dogane segnalando che il fenomeno non rappresenta una semplice evocazione dell'italian sounding, ma una vera e propria condotta fraudolenta a danno dei consumatori stranieri che pensano di poter acquistare un prodotto realmente corrispondente alla genuinita' del prodotto tipico italiano.

Nel 2013 sono state sequestrate oltre 1.800 tonnellate di prodotti agroalimentari e 2,5 milioni il numero delle etichette/packaging irregolari. Inoltre sono stati deferiti all'autorita' Giudiziaria oltre 2.000 autori di reato e accertati illeciti finanziamenti Ue per oltre 13 milioni di euro.

red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Calcio
Avviato procedimento disciplinare per vigile tifoso della Roma
Mafia
Operazione antimafia tra Ragusa e Caltanissetta: sette arresti
Violenza minori
A Napoli abbandona neonato in spazzatura:arrestata, bimbo salvo
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Veronafiere, Wine2Wine: verso una legge sull'enoturismo
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
I supermercati del futuro di Amazon: niente casse e code
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni