domenica 19 febbraio | 15:44
pubblicato il 05/lug/2013 13:05

Consumi: Copagri, nel 2012 crisi ha spinto famiglie ''in trincea''

Consumi: Copagri, nel 2012 crisi ha spinto famiglie ''in trincea''

(ASCA) - Roma, 5 lug - Nel 2012 la crisi ha spinto le famiglie italiane ''in trincea''. La spesa alimentare, infatti, pur confermando sostanzialmente nello scorso anno i livelli del 2011 (19,4% e 19,2%), con una lieve diminuzione nella media mensile, evidenzia comportamenti finalizzati al contenimento degli acquisti per fronteggiare l'aumento dei prezzi (2,5%) e per risparmiare quanto piu' possibile, frenando evidentemente su qualita' e quantita'.

Nello specifico, le famiglie che hanno tagliato su qualita' e quantita' sono aumentate dell'8,7% (53,6 nel 2011, 62,3 nel 2012). Lo sottolinea in una nota la Confederazione produttori agricoli (Copagri) sulla base dei dati pubblicati dall'Istat.

Nel Mezzogiorno i sacrifici su qualita' e quantita' di generi alimentari acquistati hanno superato la soglia del 70%. Tale trend trova riscontro nella crescita delle famiglie che si orientano verso i discount: dal 10,5% del 2011 al 12,3% dello scorso anno. L'aumento della spesa nei discount raggiunge il 14,6% nel Mezzogiorno, 1,5% in piu' rispetto al 2011, e il 10,9% al Nord, con il sensibile aumento di quasi due punti e mezzo. In conseguenza di cio' cala l'indirizzo verso la distribuzione organizzata e gli esercizi commerciali tradizionali. I generi alimentari che hanno fatto registrare contrazioni di spesa sono pane e cereali, carne, latte, formaggi e uova. Il quadro rappresentato oggi dall'Istat - rileva Copagri - e' figlio delle condizioni di disagio economico per circa 15 milioni di italiani, un quarto della popolazione di cui il 40% al Sud (disagio particolarmente grave per 8,6 milioni di persone, il doppio rispetto a soli due anni fa), del calo del 2,2% del reddito disponibile, del crollo del 5% del potere d'acquisto della famiglie e del 4,3% dei consumi, la caduta piu' pesante dai primi anni novanta. Gli italiani - evidenzia Copagri - hanno inoltre dovuto fare i conti con gli aumenti dei prezzi di energia elettrica, gas e altri combustibili (12,5%) e dei carburanti (15,4%).

Rispetto alla spesa totale, le quote destinate a combustibili ed energia sono cresciute del 5,2 e 5,6%. Fa eccezione la spesa per la benzina, che e' diminuita perche' sono diminuite le famiglie che l'hanno acquistata. Redditi, potere d'acquisto, consumi e produttivita' restano per la Copagri gli ambiti d'azione prioritari della politica economica e sociale nazionale. com-stt/cam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Raggi: vogliamo stadio della Roma ma nel rispetto della legge
Immigrati
Guardia costiera: oggi 358 migranti salvati nel Mediterrano
Cinema
Napoli ricorda Totò a 50 anni da morte con show e set ricreati
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia