lunedì 23 gennaio | 09:58
pubblicato il 05/lug/2013 13:34

Consumi: Cia, trasporti ed energia pesano piu' di cibo su carrello spesa

Consumi: Cia, trasporti ed energia pesano piu' di cibo su carrello spesa

(ASCA) - Roma, 5 lug - La crisi stravolge la spesa degli italiani, che crolla ai livelli del 1997. Non solo cambiano le abitudini, con il ricorso sempre piu' frequente agli hard-discount (+17% sul 2011) e un taglio drastico a quantita' e qualita' del cibo, ma variano in maniera consistente i budget destinati ai diversi capitoli di spesa.

Con uno sbilanciamento sempre piu' forte verso energia e trasporti a scapito della tavola. Lo afferma la Cia, confederazione italiana agricoltori, in merito al rapporto sui consumi delle famiglie nel 2012 diffuso oggi dall'Istat.

Fino al 2008 la quota di spesa per cibo e bevande 'occupava' un quarto della spesa complessiva delle famiglie.

Ma questa quota si e' ridotta fino al 19% del totale - sottolinea Cia -. Di contro, 'caro benzina' e rialzi delle tariffe energetiche hanno costretto i consumatori a togliere soldi a beni essenziali come pane, pasta, latte e carne e destinarli altrove. Con la conseguenza che nell'ultimo anno ogni famiglia italiana ha dovuto sborsare piu' per combustibili, elettricita', gas e trasporti (484 euro al mese) che per gli alimentari (468 euro al mese).

Per la Cia, questo e' un ulteriore indebolimento dei consumi alimentari, considerato che negli ultimi cinque anni la spesa delle famiglie per la tavola ha perso costantemente pezzi per colpa della crisi, lasciando per strada in media 2,5 miliardi ogni anno e attestandosi nel 2012 a 117 miliardi, vale a dire i livelli di vent'anni fa.

Anche in questa prima parte del 2013, gli acquisti degli italiani rispecchiano il clima di austerity con un ulteriore taglio del 3% alla spesa per cibo e bevande, avverte la Cia, secondo cui oggi, infatti, il 65% delle famiglie compara i prezzi con molta piu' attenzione; il 53% gira piu' di un negozio alla costante ricerca di sconti, promozioni e offerte speciali; il 42% privilegia le grandi confezioni o ''formati convenienza''; il 32% abbandona i grandi brand per marche sconosciute e prodotti di primo prezzo; il 24% ricomincia a fare cucina di recupero con gli avanzi della cucina. In piu', oltre il 16% delle famiglie rinuncia del tutto a pranzi e cene fuori dalla mura domestiche.

red/res/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Terremoti
Enel: diga Campotosto sicura ma deciso un ulteriore svuotamento
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4