venerdì 24 febbraio | 21:27
pubblicato il 08/nov/2012 14:19

Consulenze al comune Rieti, due arresti per peculato

Servizio controllo gestione a società private ma mai effettuato

Consulenze al comune Rieti, due arresti per peculato

Rieti, (askanews) - Avevano ricevuto compensi per un ammontare complessivo di oltre 460.000 euro, senza aver mai eseguito il servizio per cui erano stati pagati. Per questo uno degli amministratori delle società incaricate dallo stesso Comune di svolgere il servizio di controllo di gestione è stato arrestato dalla Guardia di finanza con l'accusa di concorso in peculato. In manette anche Antonio Preite, direttore del settore finanziario del Comune di Rieti, che avrebbe organizzato la truffa. Dalle indagini è emerso che sin dal 2001 l'amministrazione locale aveva esternalizzato il servizio di controllo di gestione a società private, pur avendo personale dipendente destinato a svolgere lo specifico incarico. Per un altro amministratore è strato emesso un provvedimento di divieto di dimora a Rieti. Ancora in corso indagini e perquisizioni.

Gli articoli più letti
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Campidoglio
Roma, Raggi in ospedale per controlli dopo un lieve malore
Campidoglio
Roma, medici: Raggi in netto miglioramento, si valuta uscita
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech