sabato 03 dicembre | 16:45
pubblicato il 23/set/2013 15:16

Concordia, Schettino accusa il timoniere: non andò a sinistra

Ripreso il processo a Grosseto all'ex comandante

Concordia, Schettino accusa il timoniere: non andò a sinistra

Grosseto (askanews) - Il processo per il naufragio della Costa Concordia è ripreso a Grosseto e l'ex comandante Francesco Schettino, in Aula, ha preso la parola per accusare il timoniere Jacob Rusl Bin, che, a suo dire, non ha eseguito correttamente la manovra richiesta dal capitano di andare a sinistra". Così Schettino ha spiegato il senso del suo ordine."Nel mettere il timone a sinistra volevo ridurre la velocità angolare della poppa favorendo l'avanzo rispetto alla rotazione. Più rotazione: impatto più a prua - ha detto Schettino - meno rotazione o addrittura se si fosse fermata la nave passava liscia. Il mettere il timone a sinistra significava ridurre la velocità angolare della prora e conseguentemente lo schiaffo della poppa. Quindi l'avanzo sarebbe stato privilegiato rispetto al moto rotatorio".La difesa dell'ex comandante della Concordia ha anche chiesto nuova perizia sulla nave possibile, secondo i legali, perché ora l'mbarcazione è stata raddrizzata.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari