domenica 04 dicembre | 09:43
pubblicato il 12/mar/2013 12:07

Conclave, una "timida" piazza San Pietro per messa pro eligendo

Più turisti che fedeli davanti alla Basilica, complice la pioggia

Conclave, una "timida" piazza San Pietro per messa pro eligendo

Città del Vaticano, (askanews) - Complice la pioggia che di certo non aiuta, una 'timida' piazza San Pietro ha accolto l'inizio del Conclave. Più turisti che fedeli nell'area vaticana. Tanti i giapponesi, i gruppi scolastici. Pochi i fedeli giunti apposta per seguire la messa "pro eligendo romano pontifice" che decreta l'apertura ufficiale per l'elezione del nuovo Papa.C'è chi, però, è arrivato addirittura dal Brasile per seguire l'evento storico. Come questa ragazza Graziella, giunta insieme al marito e ai genitori."Siamo arrivati per il Papa dal Brasile. Abbiamo fatto 15 ore di volo, e restiamo una settimana. Speriamo che il nuovo Papa sia eletto in questi giorni e che sia brasiliano. Il nostro è un Paese molto cattolico, ne abbiamo bisogno".Nella piazza sono stati allestiti 4 maxischermi. Davanti, per seguire la celebrazione presieduta dal cardinale Angelo Sodano, solo uno sparuto gruppo di fedeli che si mischia ai turisti. Come questa coppia di inglesi."Arriviamo da vicino Londra, restiamo due giorni. Vogliamo vedere cosa succede con l'elezione del nuovo Papa".Insomma, la piazza al momento è in grande attesa. Ma i fedeli devono ancora arrivare.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari