martedì 24 gennaio | 14:33
pubblicato il 13/mar/2013 15:06

Conclave: lattosio per fumata bianca e zolfo per la nera

Conclave: lattosio per fumata bianca e zolfo per la nera

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 13 mar - Lezioni di chimica in Vaticano per le fumate dal comignolo della Sistina. Per evitare il piu' possibile incertezze ed errori di valutazione sul colore del fumo piu' visto al mondo, infatti, in Vaticano si e' passati ad una composizione piu' elaborata ma certamente piu' efficace rispetto ai passati Conclave. Secondo quanto riferito da padre Federico Lombardi, su indicazione dei Servizi tecnici del Governatorato che si occupano della questione, la fumata bianca e' provocata da clorato di potassio, lattosio e pece greca mentre quella nera da perclorato di potassio, antracena e zolfo. Componenti, ha spiegato oggi dal portavoce vaticano ai giornalisti, utilizzati per definire meglio il colore delle fumate.

Il fumo che tutti vediamo fuoriuscire dal comignolo della Cappella Sistina e', quindi, prodotto anche dalla bruciatura delle schede e dei documenti di ogni votazione in una stufa utilizzata per la prima volta durante il Conclave del 1939.

La stufa, in ghisa, piu' antica rispetto a quella usata per i fumogeni, e' dotata di uno sportello inferiore per l'accensione dell'innesco, con valvola manuale di regolazione del tiraggio e di uno sportello superiore per l'introduzione dei documenti da bruciare. E' stata utilizzata per la prima volta nel 2005 ed e' in uso anche nel Conclave in corso, invece, una seconda stufa, moderna, dotata di un'apparecchiatura ausiliaria a fumogeni, per incrementare la visibilita' delle fumate. Con la bruciatura delle schede nella stufa piu' antica, si attiva un dispositivo elettronico interno alla stufa piu' recente, che mette in funzione una 'cartuccia' che contiene 5 cariche, attivate in modo sequenziale per una durata totale di circa 7 minuti.

Le canne fumarie della stufa e della apparecchiatura elettronica confluiscono in un unico condotto che, partendo dalla Cappella Sistina, sfocia sulla copertura dell'edificio.

Per migliorare il tiraggio, la canna e' preriscaldata mediante resistenze elettriche e dotata di un ventilatore da avviare in caso di necessita'.

dab/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione "Stammer": 54 persone fermate
Giustizia
Giustizia, da incontro Anm-Ministro Orlando nessun effetto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4