martedì 06 dicembre | 13:31
pubblicato il 13/mar/2013 15:06

Conclave: lattosio per fumata bianca e zolfo per la nera

Conclave: lattosio per fumata bianca e zolfo per la nera

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 13 mar - Lezioni di chimica in Vaticano per le fumate dal comignolo della Sistina. Per evitare il piu' possibile incertezze ed errori di valutazione sul colore del fumo piu' visto al mondo, infatti, in Vaticano si e' passati ad una composizione piu' elaborata ma certamente piu' efficace rispetto ai passati Conclave. Secondo quanto riferito da padre Federico Lombardi, su indicazione dei Servizi tecnici del Governatorato che si occupano della questione, la fumata bianca e' provocata da clorato di potassio, lattosio e pece greca mentre quella nera da perclorato di potassio, antracena e zolfo. Componenti, ha spiegato oggi dal portavoce vaticano ai giornalisti, utilizzati per definire meglio il colore delle fumate.

Il fumo che tutti vediamo fuoriuscire dal comignolo della Cappella Sistina e', quindi, prodotto anche dalla bruciatura delle schede e dei documenti di ogni votazione in una stufa utilizzata per la prima volta durante il Conclave del 1939.

La stufa, in ghisa, piu' antica rispetto a quella usata per i fumogeni, e' dotata di uno sportello inferiore per l'accensione dell'innesco, con valvola manuale di regolazione del tiraggio e di uno sportello superiore per l'introduzione dei documenti da bruciare. E' stata utilizzata per la prima volta nel 2005 ed e' in uso anche nel Conclave in corso, invece, una seconda stufa, moderna, dotata di un'apparecchiatura ausiliaria a fumogeni, per incrementare la visibilita' delle fumate. Con la bruciatura delle schede nella stufa piu' antica, si attiva un dispositivo elettronico interno alla stufa piu' recente, che mette in funzione una 'cartuccia' che contiene 5 cariche, attivate in modo sequenziale per una durata totale di circa 7 minuti.

Le canne fumarie della stufa e della apparecchiatura elettronica confluiscono in un unico condotto che, partendo dalla Cappella Sistina, sfocia sulla copertura dell'edificio.

Per migliorare il tiraggio, la canna e' preriscaldata mediante resistenze elettriche e dotata di un ventilatore da avviare in caso di necessita'.

dab/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Calcio
Avviato procedimento disciplinare per vigile tifoso della Roma
Mafia
Operazione antimafia tra Ragusa e Caltanissetta: sette arresti
Violenza minori
A Napoli abbandona neonato in spazzatura:arrestata, bimbo salvo
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Mantegna contro Margherita: la pizza cambia nome e si veste d'arte
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Luci di Natale: come smaltire quelle vecchie e tutelare l'ambiente
Scienza e Innovazione
AsiaHaptics 2016, Università di Siena premiata per guanto robotico
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni