martedì 28 febbraio | 00:28
pubblicato il 16/set/2013 10:26

Commercio estero: Coldiretti, tirano cibo (+7%) e farmaci (+16,7%)

(ASCA) - Roma, 16 set - L'aumento del 7 per cento delle esportazioni di prodotti agroalimentari e', insieme alla forte crescita del 16,7 per cento dei prodotti farmaceutici, il dato piu' incoraggiante del commercio estero. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat relativi al commercio estero nei primi sette mesi del 2013 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, segnato da un sostanziale stagnazione generale con una + 0,2 per cento. L'agroalimentare - sottolinea la Coldiretti - e' in netta controtendenza rispetto all'andamento generale, trainato dall'aumento della domanda estera in tutti i principali comparti produttivi che compensa la crisi dei consumi sul mercato interno. Se la tendenza sara' confermata l'agroalimentare fara' segnare il record di 34 miliardi nel valore delle esportazioni nel 2013. Tra i principali settori del Made in Italy alimentare ci sono - conclude la Coldiretti - l'ortofrutta e il vino.

com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech