mercoledì 18 gennaio | 02:57
pubblicato il 03/mag/2013 16:54

"Colpa dello Stato", manifesti della famiglia di operaio suicida

L'atto d'accusa a Matinella di Albanella, provincia di Salerno

"Colpa dello Stato", manifesti della famiglia di operaio suicida

Salerno, (askanews) - "Da parte della famiglia Carrano, tutto questo a causa dello Stato. Grazie". Il manifesto è comparso a Matinella di Albanella, paese in provincia di Salerno, per annunciare la scomparsa di Nicola Carrano, 62 anni, morto suicida dopo aver perso il lavoro. Un atto di accusa dettato dal dolore e dalla disperazione dei familiari che hanno trovato l'uomo impiccato ad una trave del soffitto della sua abitazione. Inutile la chiamata al 118 che non ha potuto far altro che constatare la morte dell'operaio.L'uomo era stato licenziato circa un anno fa dalla ditta di calcestruzzi in cui lavorava da una vita. L'azienda era poi fallita e Nicola non era più riuscito a trovare un'occupazione, accumulando rabbia e frustrazione fino al gesto estremo, spiegato in una lettera lasciata ai familiari.

Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Maltempo
Abruzzo ancora al buio, duecentomila persone senza corrente
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa