domenica 04 dicembre | 01:35
pubblicato il 31/lug/2014 12:00

Coldiretti, con maltempo api restano a terra: fino a -70% miele

Sconvolti anche i cicli vegetativi delle piante

Coldiretti, con maltempo api restano a terra: fino a -70% miele

Roma, 31 lug. (askanews) - Il maltempo costringe le api a restare a terra e a rimetterci è la produzione di miele che potrebbe subire un calo fino al 70%. Ad affermarlo è la Coldiretti sulla base di un'analisi sugli effetti delle perturbazioni che hanno colpito il territorio nazionale, con danni gravissimi nelle campagne. Le piogge intense, unite alle basse temperature, hanno "affaticato" anche le api, tanto che il raccolto di miele italiano rischia di essere seriamente compromesso e disomogeneo per aree. A Nord e a Sud - rileva Coldiretti - dello Stivale i dati più preoccupanti: l'apicoltura registra una pessima stagione produttiva con percentuali che sfiorano il -70%. Appena meglio nelle regioni centrali dove il calo della produzione dovrebbe attestarsi sul -40 per cento. Un danno considerevole - sottolinea Coldiretti - per un settore che vale 70 milioni di euro, impiega 50.000 apicoltori e sfiora quota 1,1 milioni di alveari in tutto il Paese, per una produzione media di 200.000 quintali di miele l'anno. Ma a preoccupare, se le condizioni di maltempo dovessero perdurare, sono anche gli effetti sull'intero settore agroalimentare. "Quando si parla di api non si parla solo di miele - ricorda Hubert Ciacci, presidente della "Settimana del Miele", gli stati generali dell'apicoltura in programma a settembre a Montalcino, in Toscana - ma anche di agricoltura e della produzione di tutti quei prodotti che comunemente portiamo sulle nostre tavole, dalle mele alle mandorle, dalle pesche alle pere, dalle melanzane all'uva, dai cetrioli alle fragole, solo per citare alcune delle 71 colture su 100 che provvedono all'alimentazione umana, le quali vengono impollinate dalle api. Un 'servizio' valutato 3,5 miliardi di euro". Oltre agli effetti sulle api, il maltempo sta sconvolgendo anche i cicli vegetativi delle piante, con - rileva Coldiretti - l'allungamento dei tempi di crescita di molte colture. Se nei mesi scorsi si era parlato di un anno senza inverno - sottolinea la Coldiretti -, ora ci troviamo dinanzi a un anno senza estate e ciò sta condizionando i ritmi naturali. Mucche e pecore non possono andare al pascolo e gravissima è anche la situazione sui terreni allagati - continua la Coldiretti - dove è impossibile effettuare le attività di raccolta e quelle di semina dei nuovi cicli di ortaggi. Ma a preoccupare sono soprattutto i danni diretti causati alle colture e alle stesse strutture aziendali. Attesa anche per la vendemmia che dipenderà molto dalle condizioni che si verificheranno nei prossimi giorni ma già adesso - precisa la Coldiretti - si conta un aumento dei costi di produzione per difendere viti e alberi da frutto. Ai danni diretti sulle coltivazioni si sommano - conclude la Coldiretti - quelli indiretti provocati dal calo di consumi dei prodotti stagionali come la frutta e verdura a causa delle condizioni climatiche non favorevoli con un conto per l' agroalimentare ed il turismo che spera il miliardo di euro.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari