lunedì 16 gennaio | 17:05
pubblicato il 10/ott/2012 16:04

Clini: Ilva non chiude ma deve investire in tecnologia -VideoDoc

Nel più grande centro siderurgico c'è un'"anima green"

Clini: Ilva non chiude ma deve investire in tecnologia -VideoDoc

Roma, (askanews) - Il ministro dell'Ambiente Corrado Clini è intervenuto sulla questione dell'Ilva durante un dibattito con l'amministratore delegato di Telecom Italia, Marco patuato, moderato dal direttore di Linkiesta Jacopo Tondelli."L'approccio che abbiamo seguito non è stato quello che in molti si aspettavano: il ministero dell'Ambiente chiude perchè l'Ilva inquina - ha detto Clini durante l'intervento trasmesso in streaming - ma invece è stato quello il ministero dell'Ambiente porta l'azienda a investire in tecnologie nuove per proteggere l'ambiente e aumentare la sua competitività a livello internazionale. Nel più grande centro siderurgico d'Europa viene inserita un'anima verde, un'anima green perchè quello che Ilva dovrà fare è modificare i suoi impianti, realizzare sistemi di gestione che puntano a minimizzare l'impatto ambientale".

Gli articoli più letti
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Corruzione
Latina, appalti truccati: 10 arresti tra cui sindaco di Sperlonga
Napoli
Napoli, scoppia un impianto a gas: un morto e 7 feriti, 5 gravi
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Germania in guerra contro Fca: "Richiamare 500, Doblò e Renegade"
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, mobilità sempre più ecosostenibile DriveNow