venerdì 24 febbraio | 12:10
pubblicato il 10/ott/2012 16:04

Clini: Ilva non chiude ma deve investire in tecnologia -VideoDoc

Nel più grande centro siderurgico c'è un'"anima green"

Clini: Ilva non chiude ma deve investire in tecnologia -VideoDoc

Roma, (askanews) - Il ministro dell'Ambiente Corrado Clini è intervenuto sulla questione dell'Ilva durante un dibattito con l'amministratore delegato di Telecom Italia, Marco patuato, moderato dal direttore di Linkiesta Jacopo Tondelli."L'approccio che abbiamo seguito non è stato quello che in molti si aspettavano: il ministero dell'Ambiente chiude perchè l'Ilva inquina - ha detto Clini durante l'intervento trasmesso in streaming - ma invece è stato quello il ministero dell'Ambiente porta l'azienda a investire in tecnologie nuove per proteggere l'ambiente e aumentare la sua competitività a livello internazionale. Nel più grande centro siderurgico d'Europa viene inserita un'anima verde, un'anima green perchè quello che Ilva dovrà fare è modificare i suoi impianti, realizzare sistemi di gestione che puntano a minimizzare l'impatto ambientale".

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Berlusconi
Berlusconi a pm: minacce da olgettina, voleva 1 mln per tacere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Astrofisica, indizi di materia oscura nel cuore di Andromeda?
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech