lunedì 16 gennaio | 19:16
pubblicato il 06/dic/2011 09:50

Clima/ Blitz Greenpeace a Palazzo Chigi: Politica deve cambiare

"Le alluvioni appena passate sono segnali che vanno ascoltati"

Clima/ Blitz Greenpeace a Palazzo Chigi: Politica deve cambiare

Roma, 6 dic. (askanews) - Blitz di Greenpeace stamattina a Roma davanti a palazzo Chigi, sede del governo, per chiedere all'esecutivo di "salvare il clima". All'alba gli attivisti dell'associazione ambientalista hanno srotolato in piazza Colonna un grande striscione, con una foto della tragica alluvione di Genova dello scorso 4 novembre e il messaggio 'Il clima cambia. La politica deve cambiare'. Altri attivisti hanno scalato due lampioni nella piazza davanti a palazzo sede del Governo con lo slogan 'A Durban salviamo il clima'. In contemporanea con la protesta di Greenpeace, due attori hanno messo in scena la rappresentazione della politica che si rifiuta di cambiare: vestiti e truccati come se fossero in un film in bianco e nero, hanno risposto alle domande dei giornalisti come se il problema del caos climatico non li riguardasse. "Quest'autunno la nostra penisola è stata martoriata, da Nord a Sud, da una serie di tragiche alluvioni che hanno causato la morte di decine di persone e miliardi di euro di danni. Questi sono chiari segnali che i cambiamenti climatici stanno avendo un effetto sempre più grave alle nostre latitudini e sul nostro Paese. Questi sono i segnali che la politica deve ascoltare", dice in una nota Salvatore Barbera, responsabile della Campagna clima e energia di Greenpeace Italia. "Se il clima è chiaramente cambiato - dice Greenpeace - lo stesso non si può dire della politica, soprattutto di quella nazionale. Lo scorso governo ha guidato l'Italia verso posizioni, a livello internazionale, sempre più di retroguardia nella lotta alle emissioni dei gas serra. Il Senato, in questa legislatura, ha addirittura approvato un atto che nega l'esistenza dei cambiamenti climatici e prende le distanze dalle politiche comunitarie a difesa del clima". "Esortiamo il ministro Clini e il nuovo Governo a cambiare la politica climatica del Paese. Un primo banco di prova, oltre a quanto il ministro saprà fare a Durban, sarà la difesa degli incentivi alle rinnovabili. Il sostegno pubblico per questo settore è un investimento del Paese per il futuro occupazionale e ambientale. Le lobby delle energie fossili sono da tempo attivamente impegnate a frenare la crescita delle energie pulite: per questo il governo deve approvare con celerità, trasparenza e razionalità i nuovi decreti attuativi, per garantire - conclude Barbera - stabilità e sviluppo al settore delle fonti rinnovabili".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Corruzione
Latina, appalti truccati: 10 arresti tra cui sindaco di Sperlonga
Napoli
Napoli, scoppia un impianto a gas: un morto e 7 feriti, 5 gravi
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Germania in guerra contro Fca: "Richiamare 500, Doblò e Renegade"
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello