sabato 10 dicembre | 12:41
pubblicato il 16/mag/2013 18:58

Cibus, le aziende italiane alla conquista delle tavole straniere

Federalimentare: quasi una impresa su 4 fattura 30% all'estero

Cibus, le aziende italiane alla conquista delle tavole straniere

Parma, (askanews) - Il made in Italy conquista le tavole di tutte il mondo, più di quelle italiane. Una realtà che si fa ancora più evidente nel 2013 quando, secondo i dati di Federalimentare, le imprese del settore che puntano sull'export sono più numerose di quelle che si rivolgono al mercato interno. Il dato è stato presentato a Parma in occasione del "Cibus Global Forum". Annalisa Sassi è il presidente dei giovani imprenditori Federalimentare."Quasi un'azienda su 4 ha un fatturato che supera il 30% sull'estero". Dopo l'Europa, si cerca di consolidare mercati più lontani come l'America ma soprattutto l'Asia, Cina in testa. Anche se ci sono diversi nodi da sciogliere per essere davvero competitivi, in primis le barriere tariffarie. "Su questi aspetti serve un intervento pubblico, mentre le aziende dovrebbero unirsi in partnership".L'attenzione per l'estero è dettata anche dal calo verticale dei consumi alimentari in Italia mai così bassi negli ultimi 5 anni.

Gli articoli più letti
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina