giovedì 23 febbraio | 13:40
pubblicato il 01/ago/2012 08:45

Chiusa la Ginori, cassa integrazione per 337 operai

70 milioni di debiti. Quattro le proposte di acquisto.

Chiusa la Ginori, cassa integrazione per 337 operai

Firenze, 1 ago. (askanews) - Da oggi è chiusa la Richard Ginori, la storica e prestigiosa fabbrica, specializzata in porcellana, il cui marchio è noto in tutto il mondo. I cancelli di Sesto Fiorentino questa mattina non si apriranno per nessuno dei 337 lavoratori che da ieri sono in cassa integrazione. La fabbrica, che ha 277 anni di vita, ha debiti per 70 milioni e ha perso alcuni contenziosi fiscali e immobiliari. Adesso è in liquidazione. Quattro le proposte di acquisto: dalla Sambonet, gruppo piemontese che ha rilevato le porcellane tedesche Rosenthal, dalla Lenox, dalla holding tedesca Certina e da una cordata di imprenditori del Nord. Saranno i liquidatori a scegliere e a presentare, entro agosto, la proposta di concordato ai creditori.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Milano
Dopo le palme in piazza Duomo a Milano arrivano i banani
Salute
Aborto, Cei su ospedale San Camillo: "Non snaturare la legge 194"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Borella, Maestro d'olio: amaro, piccante e quindi salutare
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech