mercoledì 18 gennaio | 09:14
pubblicato il 01/ago/2012 08:45

Chiusa la Ginori, cassa integrazione per 337 operai

70 milioni di debiti. Quattro le proposte di acquisto.

Chiusa la Ginori, cassa integrazione per 337 operai

Firenze, 1 ago. (askanews) - Da oggi è chiusa la Richard Ginori, la storica e prestigiosa fabbrica, specializzata in porcellana, il cui marchio è noto in tutto il mondo. I cancelli di Sesto Fiorentino questa mattina non si apriranno per nessuno dei 337 lavoratori che da ieri sono in cassa integrazione. La fabbrica, che ha 277 anni di vita, ha debiti per 70 milioni e ha perso alcuni contenziosi fiscali e immobiliari. Adesso è in liquidazione. Quattro le proposte di acquisto: dalla Sambonet, gruppo piemontese che ha rilevato le porcellane tedesche Rosenthal, dalla Lenox, dalla holding tedesca Certina e da una cordata di imprenditori del Nord. Saranno i liquidatori a scegliere e a presentare, entro agosto, la proposta di concordato ai creditori.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Maltempo
Abruzzo ancora al buio, duecentomila persone senza corrente
Maltempo
Protezione civile, ancora allerta per nevicate e forti venti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa