mercoledì 07 dicembre | 21:16
pubblicato il 01/ago/2013 13:46

Chiesa: pronipote Roncalli, onore papa non e' far arricchire parenti

Chiesa: pronipote Roncalli, onore papa non e' far arricchire parenti

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 1 ago - ''L'onore di un Papa non e' di far arricchire i suoi parenti. Questo e' e sara' uno dei titoli di onore piu' belli e piu' apprezzati di papa Giovanni, e della sua famiglia Roncalli. Alla mia morte non mi manchera' l'elogio che fece tanto onore alla santita' di Pio X: nato povero e morto povero''. Lo disse papa Roncalli al fratello Zaverio. Episodio raccontato dal pronipote di Giovanni XXIII, Marco Roncalli, giornalista, storico e scrittore, in un'intervista al settimanale 'A Sua Immagine'.

''Alla famiglia Giovanni XXIII - spiega il pronipote - si senti' davvero debitore. Manifesto' riconoscenza innanzitutto ai suoi genitori, Giovanni Battista Roncalli e Marianna Mazzola''. Marco Roncalli all'epoca dell'elezione pontificia di Giovanni XXII, non era ancora nato, ma ha poi ricostruito quelle ore nel suo libro 'Giovanni XXIII: Angelo Giuseppe Roncalli: una vita nella storia'. Ha imparato a conoscere in famiglia il racconto di una vita straordinaria, ma soprattutto vi ha dedicato oltre vent'anni di studi alla scuola dell'arcivescovo Loris Francesco Capovilla, segretario particolare del pontefice, oggi ultranovantenne. Ma papa Giovanni, sottolinea il pronipote, ''aveva tutta la consapevolezza di appartenere ormai, non piu' alla famiglia 'secundum sanguinem', ma a tutto il mondo, pur restando per lui i legami familiari qualcosa di fortissimo.

Basta pensare a quella confidenza, il giorno d'inizio del Pontificato, quando disse che la sedia gestatoria gli aveva fatto ricordare quelle volte in cui suo padre se l'era messo a cavalcioni sulle spalle per permettergli di vedere in mezzo a sagre paesane''. ''A differenza del suo predecessore, Pio XII, Eugenio Pacelli, che veniva da una famiglia nobile, - sottolinea il pronipote - i parenti di Papa Giovanni sono dei mezzadri. Una famiglia modesta, se non povera, e che certo non ha modificato il suo status sociale grazie all'elezione del congiunto. Forse sono l'unico ad aver 'approfittato' di questa parentela, ma come studioso mi sono mosso sul piano della ricerca storiografica, che e' un lavoro piuttosto impegnativo''.

dab/red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni