domenica 04 dicembre | 13:12
pubblicato il 01/feb/2014 15:48

Chiesa: Parolin benedira' nuovo dormitorio a Marghera dedicato al papa

(ASCA) - Venezia, 1 feb 2014 - Sara' mons. Pietro Parolin, vicentino, nuovo Segretario di Stato vaticano e prossimo cardinale, a benedire il nuovo dormitorio-mensa che la Caritas veneziana sta realizzando a Marghera, nei locali dell'ex scuola Edison, su impulso del Patriarca Moraglia. La breve cerimonia e' prevista per le ore 16.00 di mercoledi' 5 febbraio, alla presenza delle autorita' locali e delle comunita' ecclesiali del territorio.

La presenza in citta' del piu' stretto collaboratore del Santo Padre e' motivata dal fatto che l'opera, messa sotto la protezione di san Giuseppe, si chiamera' ''Dormitorio-mensa Papa Francesco''. Dell'iniziativa il Pontefice era stato informato dal Patriarca stesso, nei mesi scorsi. E ora sara' il suo Segretario di Stato a benedire i locali, l'opera e quanti la frequenteranno. Non si trattera' di un'inaugurazione vera e propria perche' i lavori sono ancora in corso ma questo, sottolinea don Dino Pistolato, vicario episcopale e direttore della Caritas diocesana, e' il segno che ''la Chiesa di Venezia e' un cantiere aperto. Esprime la logica di una realta' in divenire''.

Il nuovo dormitorio - con annessa mensa, pensata per consumare la prima colazione e la cena - si sviluppa su una superficie di circa 450 mq, al piano terra dell'edificio che si trova a destra dell'ingresso da via Mameli, dietro gli uffici della Prefettura.

Sara' strutturato in quattro blocchi di tre camere ciascuno (corrispondenti alla vecchia ripartizione in aule); ogni camera avra' due letti, per un totale di 24 posti.

Sara', inoltre, presente un ufficio per l'accoglienza e una camera per l'operatore. Un blocco di bagni e uno di docce sono a servizio degli ospiti; un altro e' riservato all'operatore.

La struttura dispone, appunto, di una cucina (per la colazione e per scaldare le vivande della cena che saranno portate da fuori) e di una sala-mensa per consumare i pasti.

Il dormitorio accogliera', per il momento, solo uomini; vi si accedera' dopo un colloquio e per un periodo di permanenza massimo di 15 giorni, peraltro rinnovabile. Quanto alla ''tipologia'' degli ospiti, ''sara' l'operativita' concreta a dirci se dovremo connotare la struttura in qualche modo - spiega ancora don Pistolato -. Intanto cerchiamo di rispondere a un bisogno: dare un tetto a chi l'ha perso, sotto il quale possa trovare anche la cena e la colazione, per affrontare il quotidiano''.

fdm/mar

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari