martedì 21 febbraio | 01:32
pubblicato il 24/mag/2013 17:07

Chiesa: Bagnasco, su riduzione diocesi difficolta' non insormontabili

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 24 mag - Le diocesi in Italia ''sono molte, dire che siano troppe e' un altro discorso.

Certamente non c'e' altro Paese al mondo come l'Italia, per la storia che conosciamo. Le difficolta' ci sono state e ce ne saranno ancora, ma non sono difficolta' insormontabili''.

Lo ha detto il presidente della Cei, il card. Angelo Bagnasco, durante la conferenza stampa al termine dei lavori della 65* Assemblea generale della Conferenza episcopale italiana in riferimento ad una possibile riduzione delle diocesi.

''Se il papa e' convinto di questa linea - ha aggiunto il card. Bagnasco - dara' disposizioni perche' in base a tali criteri si possa poi prendere una decisione conforme''. Il lavoro della Cei sul ''riassetto'' delle diocesi italiane, 226 su un territorio di 300 mila chilometri quadrati, ha spiegato il card. Bagnasco, ''e' durato alcuni anni e ora si e' concluso da almeno un anno o due, e i risultati sono stati presentati alla Congregazione dei vescovi''. dab/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Salute
Infarto, 1 struttura sanitaria su 2 non ripetta volumi ministero
Campidoglio
Roma, Grillo a Raggi: decidete voi e non fatevi influenzare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia