lunedì 05 dicembre | 05:27
pubblicato il 22/ott/2011 11:59

Chiedono pizzo a commercianti di Trapani ed Erice: otto arresti

Denaro e favori in cambio di "protezione"

Chiedono pizzo a commercianti di Trapani ed Erice: otto arresti

Taglieggiavano i commercianti di Trapani e Erice, chiedendo denaro o l'esecuzione gratuita di lavori in cambio di protezione. La polizia di Trapani ha arrestato otto pregiudicati, cinque sono finiti in carcere e tre ai domiciliari, quasi tutti del quartiere San Giuliano di Erice, a conclusione delle indagini condotte in collaborazione con il Reparto Prevenzione Crimine di Palermo. Tra le vittime del racket ci sono un ristoratore, il titolare di un'impresa artigiana, alcuni gestori di sale scommesse, un noleggiatore d'auto e un distributore di apparecchi elettronici da intrattenimento: erano costretti sotto minaccia a versare circa 500 euro al mese, dare auto a noleggio gratis e libero accesso alle sale scommesse ai taglieggiatori. Nel corso dell'indagine la polizia ha trovato anche una partita di eroina da 1,3 chili, comprata con i proventi delle estorsioni e destinata al mercato trapanese.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari