sabato 03 dicembre | 21:28
pubblicato il 18/mag/2011 17:57

Cemento depotenziato per opere pubbliche, 8 indagati a Vibo

Sequestrata rete viaria incompiuta costata 3 milioni di euro

Cemento depotenziato per opere pubbliche, 8 indagati a Vibo

La guardia di finanza di Vibo Valentia ha sequestrato un muro di contenimento che sarebbe dovuto servire a proteggere dalle frane una strada nella zona Cancello Rosso, ma che è stato realizzato con cemento depotenziato. Il procuratore della Repubblica di Vibo Valentia Mario Spagnuolo spiega i dettagli dell'operazione.La Procura ha iscritto sul registro degli indagati i nomi di otto persone, tra cui due funzionari della Regione Calabria come spiega il comandante provinciale della Guardia di Finanza di Vibo Giuseppe Licari. L'opera nonostante la spesa di 3 milioni di euro, risulta incompiuta e soggetta a rischiosi cedimenti strutturali.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari