domenica 22 gennaio | 09:40
pubblicato il 21/giu/2013 20:09

Celiachia: il San Raffaele testa molecola antiglutine del FIIRV

Celiachia: il San Raffaele testa molecola antiglutine del FIIRV

(ASCA) - Milano, 21 giu - Il San Raffaele testa la molecola attiva contro il glutine brevettata dalla Fondazione Istituto Insubrico di Ricerca per la Vita. E' la prima volta che il brevetto FIIRV per contrastare la malattia celiaca viene testato sugli uomini, dopo aver superato con esiti positivi tutte le fasi di ricerca e sperimentazione in vitro, effettuati al centro di Gerenzano.

Un accordo che rafforza la collaborazione scientifica tra FIIRV e il San Raffale di Milano, unita' ospedaliera e di ricerca tra le piu' importanti a livello internazionale e che se confermera' i risultati fino a ora raggiunti aprira' nuove frontiere per la cura della malattia celiaca. Tra coloro, che hanno firmato l'accordo, c'e' anche il professor Luigi Maiuri, docente di Pediatria presso l'Universita' di Foggia, direttore di ricerca dell'Istituto Europeo per la Ricerca in Fibrosi Cistica (IERFC) presso l'Istituto Scientifico del San Raffaele e appartenente all'equipe di ricercatori, che ha effettuato e pubblicato uno studio sulle molecole che possono contrastare la tossicita' della gliadina, proteina presente nelle farine di cereali quali grano, segale e orzo e responsabile della celiachia. Studio pubblicato on-line dalla rivista Journal of Cereal Science.

Il San Raffaele testera' la molecola attiva contro il glutine per la malattia celiaca su cellule e biopsie di uomini affetti da morbo celiaco. Qualora l'attivita' della molecola dovesse confermare l'efficacia dei suoi principi attivi e risultare non tossica, si passera' direttamente a testarla sull'uomo in quanto il brevetto del Fiirv verra' utilizzato come dispositivo medico e non come farmaco, ovvero non agira' sull'organismo umano, ma direttamente sul cibo ingerito. La Fondazione Istituto Insubrico di Ricerca per la Vita svolge principalmente attivita' di ricerca con un proprio team di ricercatori nel campo della farmacologia, della microbiologia e delle biotecnologie. FIIRV possiede un patrimonio che consiste in una rarissima collezione di 166.000 estratti microbiologici e 15.000 ceppi, ed un Centro di Ricerca oggi denominato Insubrias BioPark. Si tratta dell'ottavo parco scientifico tecnologico e incubatore di imprese in Italia nel settore biotech; si trova nella citta' di Gerenzano, in provincia di Varese, e si estende su una superficie complessiva di 52.000 mq di cui 15.000 interamente dedicati a uffici e laboratori, di chimica, biologia e microbiologia, forniti delle piu' avanzate tecnologie.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Hotel Rigopiano, Prefettura Pescara: 23 i dispersi segnalati
Papa
Papa:no a Chiesa insapore in società dove anche verità è truccata
Maltempo
Hotel Rigopiano, ospedale Pescara: 9 soccorsi in buone condizioni
Terremoti
Terremoto, Ingv: da agosto ad oggi oltre 48mila scosse
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4