lunedì 20 febbraio | 17:14
pubblicato il 27/set/2013 13:25

Cei: non vedere Stato come ''nobile notaio''

(ASCA) - Roma, 27 set - Lo Stato non puo' essere ridotto solo ad un ''nobile notaio, chiamato a riconoscere desideri, istanze e pretese''. E' quanto si legge nel comunicato finale dei lavori del Consiglio permanente della Cei concluso lo scorso 25 settembre a Roma e di cui i risultati sono stati presentati dal segretario, Mons. Mariano Crociata, nel corso di una conferenza stampa.

Nel documento si parla poi dell'individualismo come di una ''radice avvelenata'' nel nostro paese, ''che mentre impoverisce 'il suolo umano', svuota di relazioni e di responsabilita' e consegna un uomo appesantito, stanco e triste''.

gc/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Salute
Infarto, 1 struttura sanitaria su 2 non ripetta volumi ministero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia