lunedì 20 febbraio | 00:48
pubblicato il 27/set/2013 14:25

Cei: Il veneziano don Longoni alla guida Pastorale sociale

(ASCA) - Venezia, 27 set - Il sacerdote del Patriarcato di Venezia don Fabio Longoni e' stato nominato dalla Conferenza Episcopale Italiana nuovo direttore dell'Ufficio nazionale per i problemi sociali e il lavoro. L'annuncio ufficiale e' stato dato questa mattina durante la conferenza stampa svoltasi a Roma al termine dei lavori del Consiglio permanente della Cei riunito in questi giorni.

''Carissimi amici - scrive don Longoni nel saluto trasmesso in queste ore a quanti hanno collaborato con lui nella Pastorale sociale e del lavoro veneziana - la Conferenza Episcopale Italiana mi ha scelto come direttore nazionale dell'Ufficio per i problemi sociali e il lavoro. Questo nuovo servizio, che accolgo con disponibilita' ma anche con una certa trepidazione, mi togliera' dagli incarichi che ho rivestito a Venezia dagli inizi degli anni Novanta soprattutto nell'ambito della Pastorale sociale e del lavoro.

Portando nel cuore tutti voi in questo momento cosi' particolare, mi sovvengono alla memoria i momenti belli trascorsi insieme, alcuni anche difficili, al servizio della Chiesa e del nostro territorio''.

''Ringrazio in particolare - prosegue - tutti coloro che, credenti e non credenti, hanno partecipato al nostro percorso.

L'incontro con tutti voi, la volonta' comune di impegno nell'affrontare e nel promuovere modelli di conoscenza e sostegno reciproci, sono stati per me un grande insegnamento di cui faro' tesoro in questa prossima esperienza. La nostra Diocesi e' stata riconosciuta a livello italiano un punto di riferimento per le iniziative svolte in questo ambito e questo grazie alla vostra disponibilita' e operosita'''.

''Le iniziative che abbiamo portato avanti in questi anni e quelle che abbiamo programmato - conclude - potranno portare una crescita ulteriore che testimoni con forza quell'apertura verso il mondo alla quale ci rimanda di continuo Papa Francesco. La sua preghiera al termine del discorso con i lavoratori in Sardegna faccia da sfondo e orientamento a tutti noi: ''Signore Dio guardaci! Guarda questa citta', questo territorio. Guarda le nostre famiglie. Signore, a Te, non e' mancato il lavoro, hai fatto il falegname. Eri felice.

Signore, ci manca il lavoro. Gli idoli vogliono rubarci la dignita'. I sistemi ingiusti vogliono rubarci la speranza.

Signore, non ci lasciare soli. Aiutaci ad aiutarci fra noi; che dimentichiamo Un po' l'egoismo e sentiamo nel cuore il ''noi'', noi popolo che vuole andare avanti.

Signore Gesu', a Te non manco' il lavoro, dacci lavoro E insegnaci a lottare per il lavoro e benedici tutti noi. Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo''. Un caro saluto a tutti, vi porto nel cuore''.

fdm/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia