martedì 28 febbraio | 00:15
pubblicato il 20/apr/2011 15:14

Catanzaro, bambino di 6 anni aggredito da due coetanei a scuola

Ricoverato in ospedale, è grave

Catanzaro, bambino di 6 anni aggredito da due coetanei a scuola

L'istituto comprensivo "Casalinuovo" di Catanzaro è il teatro dell'aggressione subita da un bambino di 6 anni, preso a calci e pugni da due coetanei durante l'intervallo della lezione. Il bambino è ricoverato in gravi condizioni nell'ospedale della città: è stato operato per rimuovere un'ematoma causato dai colpi subiti allo stomaco. Secondo le prime ricostruzioni la violenza sarebbe il risultato di una lite tra bambini che all'inizio sembrava senza conseguenze: solo il giorno dopo il bambino, tornato regolarmente a scuola, ha avvertito i dolori ed è stato portato in ospedale. Gli aggressori sarebbero due bambini italiani di etnia rom, residenti in un insediamento di nomadi della zona, con i genitori pregiudicati per piccoli reati. Gli investigatori cercano di capire se c'è un nesso causale tra la lite e l'emorragia, e se a scuola gli insegnanti si fossero accorti dell'accaduto

Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech