venerdì 20 gennaio | 17:46
pubblicato il 05/apr/2011 09:27

Catania, traffico di droga: presa banda in affari con la camorra

Fino a 40 scambi al minuto, polizia arresta 31 persone

Catania, traffico di droga: presa banda in affari con la camorra

Fino a 40 scambi di droga al minuto: sono i movimenti documentati dalla polizia di Catania, che ha sgominato una banda che comprava grosse partite di cocaina da un clan camorristico napoletano. In parte la droga veniva poi venduta a organizzazioni mafiose catanesi e in parte spacciata nel centro storico, attraverso un sistema di vedette e pusher attivo dalle 10 del mattino alle 4 di notte. La polizia ha arrestato finora 31 persone, collegate anche da legami familiari a Carmelo Trovato, arrestato nel 2008. L'operazione ha origine proprio da quell'arresto, che ha permesso di scoprire i rapporti tra la camorra e i trafficanti catanesi legati al clan Cappello. Oltre che di traffico e spaccio, sono contestati i reati di detenzione di armi e intestazione di beni in violazione della normativa antimafia.

Gli articoli più letti
Maltempo
Prot. Civile: due le vittime accertate all'Hotel Rigopiano
Maltempo
Hotel Rigopiano, estratte mamma e bimbo: in ospedale, stanno bene
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: trovati vivi 6 dispersi
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: morti accertati sono solo 2
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Audi, 8 milioni di vetture prodotte con la trazione "quattro"
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Tpl, Sorte: anche per Delrio la Lombardia è modello da seguire