lunedì 27 febbraio | 04:38
pubblicato il 19/feb/2015 13:50

Catania, Borsellino: Nicole si sarebbe potuta salvare

Dimissioni rientrate in attesa delle inchieste

Catania, Borsellino: Nicole si sarebbe potuta salvare

Palermo (askanews) - "La piccola Nicole si sarebbe potuta salvare se fosse stata portata subito al Pronto Soccorso di un ospedale" che, per legge, "ha l'obbligo di accogliere un codice rosso" al di là della disponibilità di posti letto. L'amara considerazione è stata fatta dall'assessore regionale siciliano alla Salute Lucia Borsellino, che intervenendo all'Ars, ha riferito in merito alla neonata morta in ambulanza mentre da Catania veniva trasportata all'ospedale di Ragusa a causa della mancanza di posti letto nei reparti di terapia intensiva neonatale di tre strutture sanitarie.

Nei giorni scorsi Borsellino, nella prospettiva di un commissariamento da parte del governo di Roma, al momento scongiurato, aveva manifestato la propria volontà di presentare le dimissioni, ma come ha spiegato il presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta, la decisione è rientrata in attesa che le Procure di Catania e Ragusa facciano luce sulle cause della morte della neonata.

Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech