sabato 03 dicembre | 22:59
pubblicato il 28/ott/2011 13:45

Castellammare, a scuola dalla Curia per diventare artigiani

I corsi servono anche a tenere i giovani lontano dalla strada

Castellammare, a scuola dalla Curia per diventare artigiani

Sarti, saldatori, termoidraulici ed elettricicisti: sono i nuovi artigiani che prendono parte ai corsi, completamente gratuiti, della Fondazione Oiermo a Castellammare di Stabia nel Napoletano. La scuola ha una storia antica: fondata nel 1954 in oltre 50 anni ha formato migliaia di operai, prima di subire una battuta d'arresto quando la competenza sulla formazone professionale e passata alle Regioni. Tre anni fa però la rinascita per creare nuovi posti di lavoro per i giovani, ma non solo, come spiega il presidente della ondazione, padre Bartolomeo del Gaudio. Uno studio di Confartigianato ha dimostrato che, nei settori di competenza della scuola c'è grossa necessità di forza lavoro. Da qui la scelta di riprendere i corsi autofinanziati, per i quali gli allievi non pagano un centesimo. Un aiuto, nel 2011, è arrivato da un grosso sponsor che, con un contributo di 30mila euro, ha permesso di acquistare i macchinari. Volontari sono anche gli istruttori. L'età media dei candidati è di 26 anni. Nelle ultime tre edizioni sono stati qualificati 184 nuovi artigiani e tutti, tra assunzioni e libera professione, hanno trovato un lavoro.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari