lunedì 05 dicembre | 14:17
pubblicato il 03/mar/2011 19:30

Cassazione/ No a logiche mercantili in linee guida degli ospedali

Su dimissioni rapide per liberare posti letto a scapito malato

Cassazione/ No a logiche mercantili in linee guida degli ospedali

Roma, 3 mar. (askanews) - No all'uso di "logiche mercantili" nelle linee-guida degli ospedali, nel senso che se le linee guide sanciscono che i posti letto della struttura vanno liberati al più presto possibile, la loro osservanza a scapito dell'ammalato non costituisce un salvacondotto per il medico. Medico che non può degradare la sua professionalità "a livello ragioneristico", come un burocrate qualsiasi e che, in caso di morte del paziente dopo la dimissione dall'ospedale, non sfugge alla condanna per omicidio colposo soltanto perché rispettò le linee-guida, cioè la prassi che si applica in casi del genere. Lo sancisce la sentenza 8254/11, emessa dalla quarta sezione penale della corte di Cassazione, che precisa che chi ha fatto il giuramento di Ippocrate deve anteporre la salute dell'ammalato a tutto, comprese le direttive, laddove esse si rivelino rischiose per il paziente. "A nessuno - ammoniscono i supremi giudici - è consentito di anteporre la logica economica alla logica della tutela della salute". Nel dettaglio, spiega il sito cassazione.net, è stata bocciata una sentenza di merito d'appello che assolveva il medico "perché il fatto non costituisce reato" nei confronti del sanitario dopo la morte del paziente infartuato congedato dall'ospedale nella nona giornata dopo il ricovero. Secondo la Corte d'appello non risulta provato che il caso si presentasse tale da obbligare il medico a disapplicare le linee-guida previste in evenienze del genere. Sarà il giudice del rinvio a mettere la parola "fine" alla vicenda, disponendo gli opportuni accertamenti del caso. Di certo c'è, scrivono i giudici con l'ermellino, che un professionista deve rispondere innanzitutto a un preciso codice deontologico: è il medico che deve assumere la decisione migliore per la salute del paziente e sta dunque al sanitario verificare se la prassi delle cosiddette "linee-guida", legittimamente ispirate a criteri di economicità di gestione, non risulti in contrasto con le esigenze di cura del paziente.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari