martedì 24 gennaio | 14:41
pubblicato il 03/mar/2011 19:30

Cassazione/ No a logiche mercantili in linee guida degli ospedali

Su dimissioni rapide per liberare posti letto a scapito malato

Cassazione/ No a logiche mercantili in linee guida degli ospedali

Roma, 3 mar. (askanews) - No all'uso di "logiche mercantili" nelle linee-guida degli ospedali, nel senso che se le linee guide sanciscono che i posti letto della struttura vanno liberati al più presto possibile, la loro osservanza a scapito dell'ammalato non costituisce un salvacondotto per il medico. Medico che non può degradare la sua professionalità "a livello ragioneristico", come un burocrate qualsiasi e che, in caso di morte del paziente dopo la dimissione dall'ospedale, non sfugge alla condanna per omicidio colposo soltanto perché rispettò le linee-guida, cioè la prassi che si applica in casi del genere. Lo sancisce la sentenza 8254/11, emessa dalla quarta sezione penale della corte di Cassazione, che precisa che chi ha fatto il giuramento di Ippocrate deve anteporre la salute dell'ammalato a tutto, comprese le direttive, laddove esse si rivelino rischiose per il paziente. "A nessuno - ammoniscono i supremi giudici - è consentito di anteporre la logica economica alla logica della tutela della salute". Nel dettaglio, spiega il sito cassazione.net, è stata bocciata una sentenza di merito d'appello che assolveva il medico "perché il fatto non costituisce reato" nei confronti del sanitario dopo la morte del paziente infartuato congedato dall'ospedale nella nona giornata dopo il ricovero. Secondo la Corte d'appello non risulta provato che il caso si presentasse tale da obbligare il medico a disapplicare le linee-guida previste in evenienze del genere. Sarà il giudice del rinvio a mettere la parola "fine" alla vicenda, disponendo gli opportuni accertamenti del caso. Di certo c'è, scrivono i giudici con l'ermellino, che un professionista deve rispondere innanzitutto a un preciso codice deontologico: è il medico che deve assumere la decisione migliore per la salute del paziente e sta dunque al sanitario verificare se la prassi delle cosiddette "linee-guida", legittimamente ispirate a criteri di economicità di gestione, non risulti in contrasto con le esigenze di cura del paziente.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione "Stammer": 54 persone fermate
Giustizia
Giustizia, da incontro Anm-Ministro Orlando nessun effetto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4