domenica 04 dicembre | 13:28
pubblicato il 25/set/2013 18:32

Caso Shalabayeva, la figlia denuncia Viminale e Questura

L'avvocato Di Amato: "Sono stati commessi abusi e omissioni"

Caso Shalabayeva, la figlia denuncia Viminale e Questura

Roma (askanews) - Sequestro di persona e ricettazione di documento falso. Questi i reati per cui i legali di Madina Ablyazova, la maggiore dei quattro figli di Alma Shalabayeva, hanno denunciato alcuni diplomatici del paese dell'ex Unione Sovietica. Ma nella denuncia si segnalano anche tutta una serie di funzionari del Viminale e della Questura di Roma, come spiega il professor Astolfo Di Amato, che assiste Madina. ll penalista ha spiegato di aver ricevuto l'incarico da pochi giorni e di aver basato la redazione dell'atto su documenti depositati al Tribunale del Riesame di Roma."La denuncia - dice - è per il reato di sequestro di persona e di ricettazione, l'ipotesi è che vi sia stata una forte illegittimità nell'espulsione, nella procedura di espulsione e che in tutta la vicenda vi sia stata la costante collaborazione da parte dei diplomatici del Kazakistan. la denuncia quindi riguarda sia i diplomatici del Kazakistan che sono intervenuti nella vicenda, e sia i funzionari del ministero degli Interni che si fossero eventualmente comportati in modo illegittimo".

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari