martedì 21 febbraio | 18:00
pubblicato il 13/mar/2013 15:29

Caso Ruby: giudici, processo sospeso ma poi 4 udienze in 7 giorni

(ASCA) - Milano, 13 mar - Il processo sul cosiddetto Caso Ruby e' stato per il momento sospeso in attesa che le condizioni di salute dell'imputato Silvio Berlusconi presentino evidenti segni di miglioramento. Lo hanno deciso i giudici milanesi che processano il leader del Pdl per concussione e prostituzione minorile. Il collegio presieduto da Giulia Turri ha accolto la richiesta di rinvio presentata dagli avvocati-deputati, Niccolo' Ghedini e Piero Longo, per la patologia che tutto'ora impedisce al loro assistito di essere presente in aula, fissando tuttavia un fitto calendario che prevere 4 udienza nel giro di una settimana. Si torna in aula lunedi' prossimo, 18 marzo, e poi ancora mercoledi' 20, giovedi' 21 e lunedi' 25. Un calendario 'a tappe forzate' stabilito dai giudici milanesi proprio all'indomani del monito lanciato dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, sulla necessita' di rapporti piu' distesi tra politica e giustizia. fcz/mau/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Taxi
Protesta taxi e ambulanti a Roma, bloccata via del Corso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia