sabato 03 dicembre | 16:48
pubblicato il 21/giu/2013 14:39

Caso Ruby: giudici, no ad acquisizioni dichiarazioni teste Giowine

(ASCA) - Milano, 21 giu - Le dichiarazioni fatte mettere a verbale da Pawel Giowine, l'uomo polacco che ha accusato Imane Fadil di puntare a personaggi famosi, in particolare politici, prima per sedurli e poi per ricattarli, non entrano a far parte del processo Ruby bis a carico di Emilio Fede, Nicole Minetti e Lele Mora. Lo hanno deciso i giudici del tribunale di Milano che, dopo una camera di consiglio lampo, hanno respinto la richiesta avanzata dalla difesa Fede. Secondo il collegio presiduto da Anna Maria Gatto, ''non appare assolutamente necessario interrompere la discussione e acquisire il verbale di dichiarazioni spontanee'' di Giowine.

Il processo, dunque, prosegue con l'arringa difensiva dell'avvocato Alessandra Guerini, difensore dell'ex direttore e del Tg4.

fcz/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari