sabato 10 dicembre | 20:18
pubblicato il 19/lug/2013 17:44

Caso Ruby: giudici dispongono risarcimento per parti civili

(ASCA) - Milano, 19 lug - Emilio Fede, Lele Mora e Nicole Minetti dovranno risarcire le due ex miss Piemonte, Chiara Danese e Ambra Battilana, e la marocchina Imane Fadil, tutte ragazze che si sono costituite parti civili nel processo Ruby-bis. Lo ha stabilito il tribunale di Milano nella sentenza di condanna per tutti gli imputati.

Chiara Danese e Ambra Battilana avevano chiesto un risarcimento di 200 mila euro ciascuna, mentre Imane Fadil puntava a incassare 2 milioni. Tuttavia il collegio di giudici presieduto da Anna Maria Gatto non ha quantificato il valore del risarcimento che dovra' essere liquidato in un processo separato. Gli imputati Mora e Fede sono stati condannati al pagamento delle spese processuali sostenute dalle 3 parti civili e quantificate dal Tribunale in 10 mila euro per ciascuna.

fcz/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina