sabato 25 febbraio | 02:30
pubblicato il 19/lug/2013 17:44

Caso Ruby: giudici dispongono risarcimento per parti civili

(ASCA) - Milano, 19 lug - Emilio Fede, Lele Mora e Nicole Minetti dovranno risarcire le due ex miss Piemonte, Chiara Danese e Ambra Battilana, e la marocchina Imane Fadil, tutte ragazze che si sono costituite parti civili nel processo Ruby-bis. Lo ha stabilito il tribunale di Milano nella sentenza di condanna per tutti gli imputati.

Chiara Danese e Ambra Battilana avevano chiesto un risarcimento di 200 mila euro ciascuna, mentre Imane Fadil puntava a incassare 2 milioni. Tuttavia il collegio di giudici presieduto da Anna Maria Gatto non ha quantificato il valore del risarcimento che dovra' essere liquidato in un processo separato. Gli imputati Mora e Fede sono stati condannati al pagamento delle spese processuali sostenute dalle 3 parti civili e quantificate dal Tribunale in 10 mila euro per ciascuna.

fcz/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Campidoglio
Roma, Raggi in ospedale per controlli dopo un lieve malore
Campidoglio
Roma, medici: Raggi in netto miglioramento, si valuta uscita
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech