mercoledì 18 gennaio | 21:18
pubblicato il 19/lug/2013 17:44

Caso Ruby: giudici dispongono risarcimento per parti civili

(ASCA) - Milano, 19 lug - Emilio Fede, Lele Mora e Nicole Minetti dovranno risarcire le due ex miss Piemonte, Chiara Danese e Ambra Battilana, e la marocchina Imane Fadil, tutte ragazze che si sono costituite parti civili nel processo Ruby-bis. Lo ha stabilito il tribunale di Milano nella sentenza di condanna per tutti gli imputati.

Chiara Danese e Ambra Battilana avevano chiesto un risarcimento di 200 mila euro ciascuna, mentre Imane Fadil puntava a incassare 2 milioni. Tuttavia il collegio di giudici presieduto da Anna Maria Gatto non ha quantificato il valore del risarcimento che dovra' essere liquidato in un processo separato. Gli imputati Mora e Fede sono stati condannati al pagamento delle spese processuali sostenute dalle 3 parti civili e quantificate dal Tribunale in 10 mila euro per ciascuna.

fcz/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina