domenica 04 dicembre | 07:12
pubblicato il 28/giu/2013 12:12

Caso Ruby: dietrofront di Mora, ad Arcore nulla di male

(ASCA) - Milano, 28 giu - In aula, davanti ai giudici che lo processano per induzione e favoreggiamento della prostituzione anche minorile, ha riportato le frasi di un quotidiano che ha parlato di ''dismisura, abuso di potere e degrado'' nelle serate promosse da Silvio Berlusconi ad Arcore. Ed ha ammesso: ''E' stato cosi'''. Poi, lasciato il Palazzo di giustizia, Lele Mora davanti ai cronisti si e' reso protagonista di un dietrofront: ''Ad Arcore - ha assicurato - non c'e' stato nulla di male''. Cio' che era stato ammesso nemmeno un'ora prima, ora Mora lo nega categoricamente: ''Ho sempre detto che ad Arcore si sono fatte solo cene, nulla di piu', e l'ho ribadito oggi''. In poche parole ''non c'e' mai stata prostituzione''. E ai giornalisti che gli hanno obiettato le frasi pronunciate poco prima, Mora si e' limitato a rispondere: ''Ho detto cio' che e' stato riportato da un giornale, nulla di piu'''. Infine una precisazione sul rapporto che lo lega al leader del Pdl: ''Sono sempre stato un caro amico di Berlusconi, e lo rispetto. Berlusconi non ha mai ucciso nessuno, non credo che sia un assassino e non credo neppure che faccia prostituire la gente''.

fcz/cam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari