sabato 03 dicembre | 13:21
pubblicato il 14/mag/2012 14:12

Caso Orlandi, riaperta bara del boss Renatino De Pedis

La polizia cerca tracce. Il fratello di Emauela: passo importante

Caso Orlandi, riaperta bara del boss Renatino De Pedis

Roma (askanews) - Sono le parole di speranza di Pietro Orlandi, fratello di Manuela, la giovane cittadina dello stato del Vaticano scomparsa nel nulla a 15 anni, nel giugno del 1983. Per far luce sull'accaduto, nonostante siano passati quasi 30 anni, la magistratura ha disposto l'apertura della tomba di Enrico De Pedis, detto Renatino, capo della banda della Magliana, sepolto nella Basilica di Sant'Apollinare a Roma. Scopo dell'ispezione: la ricerca di tracce o indizi che possano confermare l'indiscrezione secondo cui sarebbe stato proprio De Pedis a sequestrare la Orlandi come rivelato dall'ex compagna del boss, Sabrina Minardi, alla trasmissione Rai, "Chi l'ha visto?".Gli agenti della Polizia scientifica hanno aperto la bara del boss della Magliana nel cortile interno della Basilica, indossando speciali tute e mascherine per evitare eventuali esalazioni una volta aperto il sarcofago.

Gli articoli più letti
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari