venerdì 24 febbraio | 09:32
pubblicato il 26/set/2011 13:43

Caso Meredith, il padre di Amanda: l'appello dovrà scarcerarla

Tutte le prove indicano la sua innocenza

Caso Meredith, il padre di Amanda: l'appello dovrà scarcerarla

Il padre di Amanda Knox difende la figlia e si dice convinto che la Corte d'Appello di Perugia ne riconoscerà l'innocenza.Secondo lui il punto cruciale del processo di appello è che le tracce di Dna sull'arma del delitto e sul reggiseno di Meredith Kercher sarebbero "irrilevanti"."Dovrà essere questo il risultato dell'appello. Non c'è nessuna prova della presenza di Amanda o Raffaele Sollecito in quella stanza. Non c'è la saliva, non ci sono cellule epiteliali, non c'è sangue, non ci sono le impronte digitali. Non c'è niente. E per me tutto questo significa non essere colpevoli", sostiene il padre di Amanda che poi racconta anche della prigionia della figlia. "E' stato difficile stare in prigione tutto questo tempo, vederti privato della tua libertà per qualcosa di cui non sei colpevole. Ma gli ultimi mesi sono stati una sofferenza per Amanda perché c'era veramente una luce in fondo al tunnel, una reale opportunità di poter tornare a casa".

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Berlusconi
Berlusconi a pm: minacce da olgettina, voleva 1 mln per tacere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech