sabato 03 dicembre | 15:15
pubblicato il 25/ago/2011 19:24

Caso Franceschi, a un anno dalla morte madre si incatena a Parigi

L'estate scorsa la morte dell'italiano in un carcere francese

Caso Franceschi, a un anno dalla morte madre si incatena a Parigi

Milano, 25 ago. (askanews) - La speranza è l'ultima a morire ma dell'inchiesta "non si sa ancora niente" e le autorità italiane non si sono più fatte sentire. Con questo spirito, Cira Antignano si è recata a Parigi per chiedere giustizia in merito alla morte di suo figlio, Daniele Franceschi, il viareggino morto un anno fa a 36 anni nel carcere di Grasse, nel sud della Francia, in circostanze mai chiarite. La donna ha messo in piedi la sua protesta davanti all'Eliseo. La signora Antignano spera nell'intervento della première dame Carla Bruni come già aveva annunciato nel novembre 2010. L'impegno da parte delle autorità italiane è ormai ridotto al lumicino.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari