lunedì 05 dicembre | 21:49
pubblicato il 16/apr/2011 18:42

Caserta, il turista tipo è italiano e "mordi e fuggi"

La Reggia vanvitelliana meta più visitata

Caserta, il turista tipo è italiano e "mordi e fuggi"

Un turismo "mordi e fuggi" e "fai da te", che si ferma per non più di un giorno in città e visita solo la Reggia vanvitelliana: è il quadro tracciato da uno studio della Confesercenti di Caserta. Il turista-tipo si informa sul web, come confermano i dati raccolti dall'info point di piazza Gramsci. Pasquale Giglio è direttore regionale di Confesercenti Campania.Il 78% dei turisti sono italiani e il 22% stranieri, soprattutto inglesi, seguiti da francesi e tedeschi. La Reggia di Caserta è la meta privilegiata, e si conferma in crescita, come spiega il commissario dell'Ente provinciale per il turismo Alfredo Aurilio.Da maggio arriverà una delegazione di tour operator dalla Russia e una dalla Repubblica Ceca, per incrementare i visitatori in provincia e in particolare sul litorale domitio. L'obiettivo è far diventare Caserta la provincia più importante del Sud per il turismo.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari