mercoledì 18 gennaio | 05:16
pubblicato il 06/nov/2013 11:24

Caserta: Gdf scopre frode accise per 800 mln euro

Caserta: Gdf scopre frode accise per 800 mln euro

(ASCA) - Napoli, 6 nov - Il nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Caserta ha scoperto un articolato sistema di frode finalizzato alla sottrazione all'accertamento ed al pagamento dell'accisa - imposta dovuta sulle bevande alcoliche - perpetrata attraverso la fittizia cessione all'estero di prodotti che, in realta', venivano immessi illecitamente nel circuito commerciale nazionale, alimentando cosi' un vero e proprio mercato parallelo, integralmente sommerso e celato al fisco.

Al termine delle operazioni di verifica fiscale, che ha preso in esame le annualita' 2010, 2011 e 2012, sono state accertate numerose violazioni penali e amministrative e richiesto il sequestro conservativo dei beni della verificata, fino alla concorrenza della somma complessivamente dovuta all'erario, ammontante ad oltre 800 mila euro nel solo settore delle accise.

Dalle indagini e' emerso come gli autori del sistema truffaldino, per sfruttare le agevolazioni fiscali previste dal regime sospensivo delle imposte vigenti per gli scambi intracomunitari, documentavano solo cartolarmente numerose operazioni commerciali asseritamente relative a cessione di prodotti alcolici verso societa' ubicate in paesi dell'Unione Europea, che, in realta', non erano mai state effettuate.

Il sistema di frode, scoperto e bloccato dalle Fiamme Gialle casertane, si basava sull'alterazione del nuovo documento di trasporto elettronico, che scorta virtualmente gli alcolici. In particolare, gli indagati, generando e documentando nel sistema informatico un fittizio trasporto fuori dai confini nazionali, celavano l'effettiva destinazione del prodotto alcolico imbottigliato, che, immesso in consumo in completa evasione di imposta sul territorio nazionale, ad un prezzo estremamente concorrenziale, generava un ulteriore indebito vantaggio per gli imprenditori disonesti. Prima e sostanziale conseguenza del controllo eseguito dai finanzieri, e' stato il pagamento, da parte della societa' coinvolta, delle ulteriori imposte dovute, a fronte di circa un milione di Euro di elementi positivi di reddito occultati al fisco, un Iva non versata per oltre un milione di euro ed una base imponibile non dichiarata ai fini Irap per 600 mila euro. La particolare attivita' d'indagine, posta in essere dalla Guardia di Finanza di Caserta, testimonia ulteriormente il peculiare ruolo di polizia economico e finanziaria svolto dal corpo a tutela delle entrate del bilancio nazionale.

red/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Maltempo
Abruzzo ancora al buio, duecentomila persone senza corrente
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa