sabato 25 febbraio | 23:52
pubblicato il 14/feb/2012 12:30

Caserta, chiromante incassava pensione del convivente morto

Scoperta dalla Gdf, al via accertamenti fiscali

Caserta, chiromante incassava pensione del convivente morto

Caserta, (askanews) - Una chiromante ritirava la pensione del convivente morto da 4 anni. La donna di Capodrise, in provincia di Caserta, è stata filmata e fermata dalla Guardia di Finanza mentre prendeva i soldi all'ufficio di Marcianise, per non destare sospetti. Come si vede in questi immagini, la maga è stata bloccata dai finanzieri in borghese subito dopo aver preso la pensione che non le spettava ed è stata portata in caserma dove è stata arrestata per truffa aggravata ai danni dello Stato. In 4 anni ha incassato 35mila euro. Inoltre, i militari durante la perquisizione della casa in cui esercitava la professione di chiromante col nome di "maga Anita" hanno trovato anche il suo tariffario: per un rito esoterico si pagava fino a 20mila euro. Sono partiti immediatamente gli accertamenti fiscali visto che la maga risultava sconosciuta al fisco dal 2008.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech