lunedì 05 dicembre | 16:24
pubblicato il 08/giu/2011 12:28

Caserta, camorra e rifiuti, arrestato imprenditore

Era il re dello smaltimento grazie al clan dei Casalesi

Caserta, camorra e rifiuti, arrestato imprenditore

Aveva il monopolio della gestione dei rifiuti in tutto il casertano grazie all'appoggio del clan dei Casalesi: Ludovico Ucciero, 65 anni, è stato arrestato nella sua casa a Castel Volturno dal Nucleo operativo ecologico dei carabinieri di Roma. Il più importante imprenditore del settore è accusato di avere costruito la sua fortuna grazie al rapporto esclusivo con la camorra: pagava i capizona, in particolare quelli della famiglia Bidognetti, assicurandosi così mano libera in gare e appalti.Una figura che sembra uscita dal film Gomorra, dove Toni Servillo interpreta l'imprenditore senza scrupoli che gestisce il traffico di rifiuti facendo affari col Nord e inquinando il Sud. I carabinieri hanno sequestrato anche quattro aziende e 35 immobili per un valore di 40 milioni di euro. Secondo gli inquirenti Ucciero era una sorta di braccio economico del clan, "espressione nel mondo imprenditoriale" dei Casalesi.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari