sabato 10 dicembre | 21:42
pubblicato il 16/apr/2013 10:18

Carne di cavallo: Coldiretti, fare nomi dei 93 prodotti positivi a test

Carne di cavallo: Coldiretti, fare nomi dei 93 prodotti positivi a test

(ASCA) - Roma, 16 apr - ''E' necessario rendere pubblici i nomi dei 93 prodotti (sui 454 esaminati) risultati positivi per presenza di carne equina superiore all'1% non dichiarata per fare davvero chiarezza su uno scandalo senza precedenti che ha truffato circa 30 milioni di consumatori che acquistano piatti pronti, danneggiato le ditte che si sono comportate correttamente e distrutto il mercato della carne di cavallo in Italia''. E' quanto chiede il presidente della Coldiretti, Sergio Marini, nel sottolineare che non si deve archiviare sbrigativamente un inganno globale che ha colpito un prodotto sui cinque esaminati grazie all'attivita' dei Nas dei carabinieri. Sulla base del rapporto trasmesso dal ministero della Salute alla Commissione europea, infatti, sono stati prelevati dai carabinieri per la Tutela della salute (Nas), 454 campioni, di cui 93 sono risultati positivi per presenza di carne equina superiore all'1%, che doveva invece essere dichiarata. Quanto, invece, alla ricerca di fenilbutazone sono stati analizzati 323 campioni di muscolo equino e 51 campioni di sangue. In nessun campione e stato rinvenuto fenilbutazone.

''Occorre fare immediatamente chiarezza sulle cause e i colpevoli per eliminare tutti i prodotti a rischio dal mercato, ma anche - sottolinea Marini in una nota - per prendere le precauzioni necessarie affinche' questa situazione non si ripeta mai piu' per la carne e per tutti gli altri prodotti alimentari''. Secondo il presidente della Coldiretti ''la responsabilita' riguarda anche le autorita' pubbliche a livello nazionale e comunitario che ora devono recuperare il tempo perduto con interventi strutturali come l'obbligo di indicare la provenienza e il percorso degli alimenti in etichetta per farla conoscere ai consumatori e scoraggiare il proliferare di passaggi che favoriscono le truffe''. ''Siamo - continua Marini - di fronte ad un inganno globale che ha coinvolto anche le piu' grandi multinazionali del settore che dovrebbero seriamente interrogarsi sui propri sistemi di controllo qualita' e sulle politiche di approvvigionamento delle materie prime adottate fino ad ora.

E' stato infatti smascherato - precisa Marini - un giro vorticoso di partite di carne che si spostano da un capo all'altro dell'Europa attraverso intermediazioni poco trasparenti che favoriscono il verificarsi di frodi ed inganni''. ''Le aziende alimentari - conclude Marini - dovrebbero ora valutare seriamente l'opportunita' di acquistare prodotti locali che offrono maggiori garanzie di qualita' e sicurezza alimentare ed evitare lunghi, costosi ed inquinanti trasporti'' chiude il presidente della Coldiretti.

com-stt/sam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina