martedì 24 gennaio | 02:29
pubblicato il 16/apr/2013 10:18

Carne di cavallo: Coldiretti, fare nomi dei 93 prodotti positivi a test

Carne di cavallo: Coldiretti, fare nomi dei 93 prodotti positivi a test

(ASCA) - Roma, 16 apr - ''E' necessario rendere pubblici i nomi dei 93 prodotti (sui 454 esaminati) risultati positivi per presenza di carne equina superiore all'1% non dichiarata per fare davvero chiarezza su uno scandalo senza precedenti che ha truffato circa 30 milioni di consumatori che acquistano piatti pronti, danneggiato le ditte che si sono comportate correttamente e distrutto il mercato della carne di cavallo in Italia''. E' quanto chiede il presidente della Coldiretti, Sergio Marini, nel sottolineare che non si deve archiviare sbrigativamente un inganno globale che ha colpito un prodotto sui cinque esaminati grazie all'attivita' dei Nas dei carabinieri. Sulla base del rapporto trasmesso dal ministero della Salute alla Commissione europea, infatti, sono stati prelevati dai carabinieri per la Tutela della salute (Nas), 454 campioni, di cui 93 sono risultati positivi per presenza di carne equina superiore all'1%, che doveva invece essere dichiarata. Quanto, invece, alla ricerca di fenilbutazone sono stati analizzati 323 campioni di muscolo equino e 51 campioni di sangue. In nessun campione e stato rinvenuto fenilbutazone.

''Occorre fare immediatamente chiarezza sulle cause e i colpevoli per eliminare tutti i prodotti a rischio dal mercato, ma anche - sottolinea Marini in una nota - per prendere le precauzioni necessarie affinche' questa situazione non si ripeta mai piu' per la carne e per tutti gli altri prodotti alimentari''. Secondo il presidente della Coldiretti ''la responsabilita' riguarda anche le autorita' pubbliche a livello nazionale e comunitario che ora devono recuperare il tempo perduto con interventi strutturali come l'obbligo di indicare la provenienza e il percorso degli alimenti in etichetta per farla conoscere ai consumatori e scoraggiare il proliferare di passaggi che favoriscono le truffe''. ''Siamo - continua Marini - di fronte ad un inganno globale che ha coinvolto anche le piu' grandi multinazionali del settore che dovrebbero seriamente interrogarsi sui propri sistemi di controllo qualita' e sulle politiche di approvvigionamento delle materie prime adottate fino ad ora.

E' stato infatti smascherato - precisa Marini - un giro vorticoso di partite di carne che si spostano da un capo all'altro dell'Europa attraverso intermediazioni poco trasparenti che favoriscono il verificarsi di frodi ed inganni''. ''Le aziende alimentari - conclude Marini - dovrebbero ora valutare seriamente l'opportunita' di acquistare prodotti locali che offrono maggiori garanzie di qualita' e sicurezza alimentare ed evitare lunghi, costosi ed inquinanti trasporti'' chiude il presidente della Coldiretti.

com-stt/sam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4