sabato 03 dicembre | 18:35
pubblicato il 19/dic/2013 16:00

Carceri: Sappe, solo amnistia e indulto non risolvono criticita'

Carceri: Sappe, solo amnistia e indulto non risolvono criticita'

(ASCA) - Roma, 19 dic - ''Amnistia e indulto, da soli, non bastano a risolvere le criticita' del settore carceri. Quello che serve sono vere riforme strutturali sull'esecuzione della pena''. Questo il commento di Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria (Sappe), sul decreto legge varato dal Governo. Saranno, infatti, meno di 3 mila i detenuti in possesso dei requisiti necessari per uscire dai penitenziari, un numero inconsistente rispetto agli oltre 64 mila detenuti oggi. ''Ogni tanto si varano provvedimenti che impropriamente si definiscono svuota-carceri - ha continuato Capece - ma la realta' e' che la situazione di affollamento dei penitenziari e' sempre drammaticamente grave, a danno del lavoro dei poliziotti penitenziari''. I dati confermano che nel 2009, i detenuti in Italia erano 64.791 e, nonostante tre leggi presunte 'svuota-carceri', i detenuti oggi sono 64.047. ''La realta' oggettiva e' che le carceri restano invivibili, sia per chi e' detenuto, sia per chi ci lavora''. red/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari