martedì 21 febbraio | 16:08
pubblicato il 07/nov/2013 10:09

Carceri: Sappe, a Lucca ancora aggressioni e tentati suicidi

(ASCA) - Roma, 7 nov - Ancora tensioni nel carcere di Lucca da tempo al centro di tensioni e polemiche ed oggetto anche di interrogazioni in Parlameno. A denunciarlo e' il Sappe, il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria.

''Solo negli ultimi giorni - dichiara Donato Capece, segretario generale Sappe - registriamo tre nuovi eventi critici nel penitenziario di Lucca: e cioe' una nuova violenta aggressione ad un appartenente alla Polizia penitenziaria, questa volta un Ispettore, e due tentati suicidi di detenuti per fortuna sventati in tempo. Episodi che confermano come quello di Lucca sia un carcere che 'naviga a vista', con zero livelli di sicurezza per i poliziotti. Per questo abbiamo chiesto un 'cambio di passo', con l'avvicendamento del direttore. Per questo rinnoviamo la richiesta chiedendo anche una ispezione ministeriale, che accerti tutto quello che non va in questo carcere e le conseguenti precise responsabilita'. Cosi' non si puo' piu' andare avanti''.

gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Salute
Infarto, 1 struttura sanitaria su 2 non ripetta volumi ministero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia