giovedì 19 gennaio | 11:55
pubblicato il 20/dic/2011 10:33

Carceri/ Pordenone, suicida assistente capo della Penitenziaria

Uil:"Quinto caso nel 2011, 80 in 10 anni. Fenomeno preoccupante".

Carceri/ Pordenone, suicida assistente capo della Penitenziaria

Roma, 20 dic. (askanews) - Un assistente capo della polizia penitenziaria in servizio al carcere di Pordenone si è suicidato ieri pomeriggio, nell'abitacolo della propria automobile, sparandosi un colpo con la sua di postola di ordinanza. Lo rende noto la Uil Penitenziari, spiegando che l'uomo, Antonio Caputo di 43 anni, intorno alle 14 finito il turno di servizio si è messo in auto ed ha raggiunto San Vito al Tagliamento, dove in un luogo appartato si è sparato. La moglie non vedendo rincasare il consorte ha dato l'allarme e il cadavere è stato rinvenuto intorno alla 18. "E' il quinto suicidio di un 'basco blu' nel 2011, Caputo era apprezzato da tutti per la sua professionalità e disponibilità", dice in una nota Eugenio Sarno, segretario generale Uil Penitenziari: "Quello dei suicidi in seno alla polizia penitenziaria è evidentemente un fenomeno che deve essere indagato a fondo perché assume dimensioni davvero preoccupanti. In dieci anni, infatti, sono circa 80 i suicidi di poliziotti penitenziari. Non intendiamo assolutamente strumentalizzare queste morti, ma ci appare chiaro che se non è possibile collegare direttamente le volontà suicide a motivi di lavoro nemmeno possiamo escludere che l'ambito lavorativo, con il suo carico di disagio, sia totalmente estraneo nelle dinamiche che portano alle autosoppressioni". "Troppo spesso il personale della polizia penitenziaria impegnato nelle prime linee - ricorda Sarno - è costretto a subire la contrizione dei diritti soggettivi. Questo, coniugato alle infamanti condizioni di lavoro e all'insalubrità dei luoghi di lavoro, costituisce un'amplificazione del disagio interiore che dilata la percezione delle difficoltà ed abbatte le autodifese spingendo verso quei gesti estremi di cui troppe volte dobbiamo dar conto. Venerdì prossimo incontreremo il ministro della Giustizia Severino e questo del disagio lavorativo della polizia penitenziaria sarà un aspetto preminente del nostro intervento, certi che riscuoterà massima attenzione nel Guardasigilli".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina