lunedì 27 febbraio | 15:25
pubblicato il 20/dic/2011 10:33

Carceri/ Pordenone, suicida assistente capo della Penitenziaria

Uil:"Quinto caso nel 2011, 80 in 10 anni. Fenomeno preoccupante".

Carceri/ Pordenone, suicida assistente capo della Penitenziaria

Roma, 20 dic. (askanews) - Un assistente capo della polizia penitenziaria in servizio al carcere di Pordenone si è suicidato ieri pomeriggio, nell'abitacolo della propria automobile, sparandosi un colpo con la sua di postola di ordinanza. Lo rende noto la Uil Penitenziari, spiegando che l'uomo, Antonio Caputo di 43 anni, intorno alle 14 finito il turno di servizio si è messo in auto ed ha raggiunto San Vito al Tagliamento, dove in un luogo appartato si è sparato. La moglie non vedendo rincasare il consorte ha dato l'allarme e il cadavere è stato rinvenuto intorno alla 18. "E' il quinto suicidio di un 'basco blu' nel 2011, Caputo era apprezzato da tutti per la sua professionalità e disponibilità", dice in una nota Eugenio Sarno, segretario generale Uil Penitenziari: "Quello dei suicidi in seno alla polizia penitenziaria è evidentemente un fenomeno che deve essere indagato a fondo perché assume dimensioni davvero preoccupanti. In dieci anni, infatti, sono circa 80 i suicidi di poliziotti penitenziari. Non intendiamo assolutamente strumentalizzare queste morti, ma ci appare chiaro che se non è possibile collegare direttamente le volontà suicide a motivi di lavoro nemmeno possiamo escludere che l'ambito lavorativo, con il suo carico di disagio, sia totalmente estraneo nelle dinamiche che portano alle autosoppressioni". "Troppo spesso il personale della polizia penitenziaria impegnato nelle prime linee - ricorda Sarno - è costretto a subire la contrizione dei diritti soggettivi. Questo, coniugato alle infamanti condizioni di lavoro e all'insalubrità dei luoghi di lavoro, costituisce un'amplificazione del disagio interiore che dilata la percezione delle difficoltà ed abbatte le autodifese spingendo verso quei gesti estremi di cui troppe volte dobbiamo dar conto. Venerdì prossimo incontreremo il ministro della Giustizia Severino e questo del disagio lavorativo della polizia penitenziaria sarà un aspetto preminente del nostro intervento, certi che riscuoterà massima attenzione nel Guardasigilli".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Specie a rischio, dalla genetica molecolare un aiuto per salvarle
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech