mercoledì 22 febbraio | 03:05
pubblicato il 19/dic/2013 12:05

Carceri: Istat, 65.701 i detenuti (-1,8%). Uno su cinque lavora

Carceri: Istat, 65.701 i detenuti (-1,8%). Uno su cinque lavora

(ASCA) - Roma, 19 dic - Alla fine del 2012 sono 65.701 le persone presenti nelle strutture penitenziarie, l'1,8% in meno dell'anno precedente. E' quanto evidenzia il rapporto annuale pubblicato dall'Istat. Nel 4,3% dei casi si tratta di donne, mentre gli stranieri sono il 35,8%. Un detenuto su cinque lavora, in massima parte (83,7%) alle dipendenze dell'Amministrazione penitenziaria. Il problema del sovraffollamento rimane piuttosto serio, per quanto il rapporto tra detenuti presenti e posti letto previsti continui a scendere a livello nazionale, passando dai 146,4 del 2011 a 139,7 del 2012. La situazione e' mediamente piu' critica nel Nord (149,9 detenuti per 100 posti letto), ma anche nel Mezzogiorno e al Centro i valori sono ben lontani da quello ottimale. Tra le regioni i valori oscillano tra il 168,8 della Puglia e il 94,5 della Sardegna, l'unica regione che ha un tasso di affollamento inferiore a cento. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Roma
Fiumicino "si offre" per stadio Roma: 'Qui tutto ciò che serve'
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia